Bimbo soffocato all'Ikea: la Procura procede per omicidio colposo

L'ipotesi di reato è contro ignoti. Dopo il via libera del Pm, sono stati espiantati gli organi del piccolo Francesco, e i genitori hanno deciso per la donazione. Tre i bambini ai quali è stato effettuato il trapianto

Omicidio colposo contro ignoti. E' l'ipotesi avanzata dalla procura di Roma per il caso del piccolo Francesco, il bimbo di tre anni morto ieri, dopo cinque giorni di ricovero nella terapia intensiva del Policlinico Gemelli, per un soffocamento dovuto a un hot dog consumato nel ristorante Ikea di Porta di Roma. 

Dopo il via libera del Pm, sono stati espiantati gli organi, e i genitori hanno deciso per la donazione. "La generosità e l'amore di Alessia e Lorenzo (genitori, ndr) - si legge in una nota del policlinico - hanno permesso di oltrepassare l'indicibile dolore personale per la morte del loro unico figlio e pensare di poter aiutare con il consenso alla donazione degli organi ad altri bambini gravemente malati. E così è stato possibile offrire una speranza di vita a tre piccoli grazie a tre trapianti effettuati nella notte: uno a Roma, all'Ospedale Bambino Gesù, per aiutare un bambino affetto da una grave patologia epatica trattabile solo con il trapianto, gli altri due a Genova e a Bari per aiutare due bimbi affetti da gravi malattie renali". 

"La Rete Nazionale Trapianti, coordinata da Alessandro Nanni Costa, e per il Lazio da Domenico Adorno, alla quale rete il Policlinico Gemelli è collegato, ha consentito, come ogni giorno accade, lo svolgimento delle complesse attività che caratterizzano la donazione e il trapianto degli organi, rendendo possibili i tre interventi salvavita" conclude la nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato ha disposto l'acquisizione della cartella clinica e affidato ad un medico legale l'incarico di eseguire l'autopsia. L'accertamento è in programma domani. Gli inquirenti potrebbe acquisire anche anche i filmati, se presenti, del ristorante, e accertare eventuali ritardi di chiamata al 118 segnalati da qualche testimone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento