Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Biglietti Atac in aumento: sugli autobus la rabbia e le polemiche dei cittadini

L'aumento dei biglietti Atac fa discutere: c'è chi s'indigna, chi fa paragoni col resto d'Italia, chi con l'estero, ma c'è anche chi guarda il lato positivo

autobus-colosseoNon più 1 euro, ma 1, 50. Non più 30 euro, ma 35. Non più 230, ma 280 euro. Non sono numeri a caso, ma gli aumenti dell'Atac, rispettivamente per il biglietto singolo, l'abbonamento mensile e l'abbonamento annuale.

Aumenti che hanno creato numerose polemiche, sia tra quanti prendono i mezzi regolarmente, sia tra quelli che sono i cosiddetti “utenti occasionali”.

“E' una vergogna – tuona una signora ad una delle tante fermate di Piazzale Flaminio - Non solo gli autobus si fanno aspettare per intere mezz'ore, ma in più ci chiedono pure di sborsare più soldi”. Le fa eco Antonio, impiegato, utente abituale dei mezzi pubblici: “Il servizio è sempre più scadente, gli autobus sempre più affollati, le attese alle fermate poi con questo caldo diventano insopportabili...e ci fanno pure gli aumenti”.

Diverso il discorso di Emanuele, studente universitario: “Se il servizio fosse all'altezza, come all'estero, allora io questi soldi li spenderei anche volentieri. Invece no: ci vengono chiesti troppi soldi per un servizio che non rispecchia i minimi livelli di qualità”.

Anche qualche addetto dell'Atac si lascia coinvolgere nella discussione e i commenti sono univoci: “Gli aumenti paiono confermati, anche se...guardi...non mi faccia parlare! Basterebbe che tutti comprassero i biglietti, e invece non è così: la maggior parte viaggia a scrocco e poi si fanno gli aumenti che vanno a colpire quei pochi che i biglietti li timbrano. Ci vorrebbero solo più controlli.”

La signora Maria Antonietta, abitante di via Flaminia, invece, cerca di guardare il lato positivo: “Guardi, è vero che il biglietto aumenta, però almeno durerà 100 minuti, non più 75: per me è un bel vantaggio, sa. Prima per andare al centro a fare le commissioni, dovevo farne almeno due di biglietti, invece adesso me ne basterà uno. Certo, se vado alla posta, sicuro anche 100 minuti non mi bastano, ma almeno è qualcosa”.

Meno conciliante invece Pasquale, insegnante in pensione: “E'uno schifo, una vergogna, questo non è un paese civile: ma come?! Aspettiamo ore alle fermate, non tutti i mezzi hanno l'aria condizionata, non si trova mai posto, sono sempre affollati e ci chiedono pure di pagare di più! Assurdo!!”
C'è chi non crede al possibile aumento, chi non ne sa niente e lo scopre proprio ascoltando i vari commenti d'indignazione, chi fa spallucce e dice “tanto sarà sempre peggio, tra un po' ci faranno pagare pure l'aria!”

Martina, barista, commenta così: “Allora, c'è da dire questo però: a Milano e a Napoli i biglietti costano di più e anche al nord. Noi a Roma eravamo abituati bene, un aumento ci sta tutto. Certo, 50 centesimi è una bella botta...potevano fare 10, 20, ma 50....è troppo, troppo!”

Gli avventori del bar sono tutti d'accordo con Martina: un aumento del 50% non è roba da poco, ma anche chi si serve dei vari abbonamenti subirà notevoli aumenti, soprattutto gli abbonati annuali che dovranno spendere 50 euro in più.

E' la signora Patrizia a chiudere l'accesa discussione: "Sa qual'è il punto?Che qui a Roma i biglietti li timbrano veramente in pochi, allora poi è normale che ci sono gli aumenti. Se tutti comprassero i biglietti, il problema non ci sarebbe proprio: tutti comprano e la spesa viene divisa. E invece sa che succede? Che siccome i biglietti non li compra nessuno, allora non ci sono i soldi, e quindi fanno gli aumenti. E chi subisce gli aumenti? I pochi che comprano il biglietto. Ma le pare giusto?!"

Salvatore, conducente, si ferma ed apre le porte: molti scendono ed altrettanti salgono. Pochi timbrano: vidimano il biglietto, non solo per loro, ma anche per tutti quelli che non ce l'hanno, quelli che viaggiano gratis. Alla faccia degli aumenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biglietti Atac in aumento: sugli autobus la rabbia e le polemiche dei cittadini

RomaToday è in caricamento