menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il tunisino sospettato: "Non sono un terrorista, denuncio tutti!"

Atef intervistato da Chi L'ha visto che l'ha rintracciato a Tunisi

La sua foto è sulle prime pagine di tutti i giornali e tutti i tg nazionali. Sulle sue tracce le forze dell'ordine, allertate da una denuncia anonima. Un presunto o aspirante terrorista che però si rivela non essere tale. E' la trasmissione Chi L'ha visto? ad aver rintracciato Atef Mathlouthi in Tunisia. L'intervista andrà in onda alle 11.30 su Rai3. Sono emerse però le prime dichiarazioni: "Non sono un terrorista, non sono latitante, la polizia tunisina mi ha interrogato tutto il giorno. Denuncio tutti!". 

Ad allertare tutti è stata una lettera anonima recapitata all'ambasciata a Tunisi. Nella missiva si leggeva l'intenzione dell'uomo di commettere atti di terrorismo a Roma. Sulle sue tracce i carabinieri e, a seguito della diffusione dell'allarme, anche le altre forze dell'ordine. 

La foto segnaletica del 41enne tunisino era stata diramata a tutti gli uffici investigativi e anche alle pattuglie sul territorio.

Nel frattempo le forze dell'ordine ridimensionano l'allarme relativo alla vicenda. In una nota diffusa dalla Questura a seguito del tavolo tecnico di questa mattina, si legge: "Rientrato l’allarme del cittadino tunisino che al momento non è ritenuto un pericolo concreto e attuale. La vicenda è in fase di ulteriore approfondimento, ma non ha determinato alcuna allerta in considerazione del fatto che, l’innalzamento standard della misure di sicurezza per Pasqua era stato già pianificato" (QUI LE MISURE). 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento