menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laziogate, assolto in appello Storace: “Sette anni di Calvario”

In primo grado era stato condannato ad un anno e sei mesi per concorso nell'accesso abusivo a sistema informatico

In primo grado era stato condannato ad un anno e sei mesi per concorso nell'accesso abusivo a sistema informatico

L'ex ministro della Sanità, Francesco Storace è stato assolto in appello per il processo sul cosiddetto Laziogate. In primo grado era stato condannato ad un anno e sei mesi per concorso nell'accesso abusivo a sistema informatico.

LAZIO GATE - Storace, così come altre sette persone coinvolte nella vicenda, è stato assolto con la formula "perché il fatto non sussiste". La vicenda riguarda la presunta incursione illecita nella banca dati dell'anagrafe del Comune di Roma e all'attività di spionaggio compiuta ai danni di Alternativa Sociale, il movimento guidato da Alessandra Mussolini, nella primavera del 2005. I giudici della I corte d'appello di Roma, presidente Eugenio Mauro, hanno fatto cadere le accuse nei confronti anche del suo ex portavoce Nicolò Accame, che in primo grado aveva avuto 2 anni. Assolti Mirko Maceri, che era ex direttore di Laziomatica; così come l'avvocato Romolo Reboa (che presentò l'esposto a suo tempo contro As); e Nicola Santoro, figlio del magistrato della commissione elettorale presso la corte d'appello di Roma che escluse Alternativa Sociale dalle elezioni. Avevano avuto un anno. Cadute le contestazioni anche per l'allora vicepresidente del consiglio comunale per An, Vincenzo Piso (per cui anche in primo grado la Procura aveva chiesto l'assoluzione). Unica condannata, Tiziana Perreca, ex collaboratrice dello staff di Storace, che ha avuto 6 mesi per favoreggiamento. Confermata l'assoluzione di Daniele Caliciotti, l'ex dipendente di Laziomatica. E nei suoi confronti non era stata appellata la sentenza.

STORACE - Storace ha commentato la sentenza: “Sette anni di calvario e oggi scopriamo che questa vicenda, per la quale mi sono dimesso da ministro della Sanità e costata la corsa per la Regione Lazio, non sussiste". Così Francesco Storace commenta, visibilmente commosso, la decisione della I sezione della corte d'Appello di Roma che lo ha assolto nella vicenda Laziogate. "Questa storia all'epoca venne definita uno scandalo. Alla luce di tutto ciò posso affermare che comunque non sono riusciti a togliermi la dignità", ha detto lasciando la Corte d'Appello.

L'AVVOCATO - “Non c'era bisogno di attendere 7 anni per certificare l'estraneità di Storace a qualsivoglia comportamento men che legittimo". Lo afferma il difensore di Francesco Storace, l'avvocato Giosué Naso, commentando l'assoluzione decisa dalla Corte d'Appello di Roma. Per il penalista "bastava leggere con obiettività e senza pregiudizi proprio il verbale del principale accusatore per comprendere che Storace era estraneo a quell'operazione di acquisizione dei dati anagrafici, che peraltro la Corte d'appello ha stabilito essere consentita". Dal canto loro i difensori di Mirko Maceri, ex dirigente della società Laziomatica, in una nota spiegano che "oggi abbiamo avuto conferma che la società ha licenziato un suo dirigente per un comportamento conforme ai doveri d'ufficio". Gli avvocati Stefano Aterno e Francesco Compagna, si augurano "che la società saprà prendere atto di quanto è emerso da questo processo", concludono i penalisti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento