Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

‪Punta pistola contro gli agenti: in casa un arsenale e finto tesserino da Carabiniere

L'uomo di 51 anni, che si spacciava per un ex appartenente alle Forze dell'Ordine, è stato fermato nella zona di Centocelle

armi prenestino-3

Aveva in casa un vero e proprio arsenale. Un 51enne che in passato aveva già violato la legge sulle armi e per questo era ancora 'tenuto d’occhio' dalla Polizia di Stato, è stato arrestato per "detenzione illegale di armi da guerra", "alterazione di armi", "introduzione nello Stato di armi clandestine" e "resistenza a Pubblico Ufficiale".

LE INDAGINI - Ieri pomeriggio gli agenti della sezione di Polizia Giudiziaria del Commissariato Prenestino si sono presentati a casa dell'uomo, a Centocelle, per un controllo. I poliziotti hanno bussato alla porta dell'appartamento, qualificandosi come agenti di Polizia, udendo inizialmente alcuni rumori da dietro, poi una voce che gli rispondeva di andarsene perché lui non avrebbe aperto a nessuno. Subito dopo gli agenti hanno sentito un po' di trambusto e poi chiaramente il rumore di un'arma che 'scarrellava'.

PISTOLA PUNTATA CONTRO AGENTE - Gli agenti allora si sono fatti consegnare le chiavi dell'appartamento e, con estrema cautela, sono entrati, trovandosi però davanti l'uomo con una Glock carica e con il colpo in canna, puntata contro di loro. Nei concitati attimi in cui l'uomo ha cercato riparo dietro una parete i poliziotti lo hanno bloccato e disarmato, per poi procedere a perquisizione.

IN CASA MITRA E FUCILE - Il 51enne, che inizialmente aveva tentato di spacciarsi per un ex appartenente alle Forze dell'Ordine, custodiva in casa un vero e proprio arsenale: armi e munizioni a salve e ad aria compressa, un mitra M16 calibro 556 'Nato', con relativo caricatore e cartucce, un fucile a pompa con canna tagliata e matricola abrasa completa di cartucce, quasi 200 cartucce di vario calibro, alcuni bossoli, nonché numerosi coltelli e pugnali, un machete di 70 centimetri, un giacchetto antiproiettile, una divisa militare, un paio di manette e un finto tesserino da Carabiniere.

ARMI COMPRATE SU INTERNET - Alla fine l'uomo ha confessato agli agenti di avere acquistato la maggior parte delle armi su siti internet specializzati, sui quali sono in corso accertamenti, e di avere effettivamente messo un colpo in canna nella pistola che impugnava al momento dell’irruzione in casa della Polizia, non appena accortosi della loro presenza.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‪Punta pistola contro gli agenti: in casa un arsenale e finto tesserino da Carabiniere

RomaToday è in caricamento