Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Esquilino / Via Gioberti

Da Frosinone a Roma per vendere il bottino di un furto: tradito dalla voglia di marijuana

Un giovane 19enne, fermato a Termini mentre comprava qualche dose di marijuana, è stato trovato con gioielli, cellulari, pc, provento di furto in un'abitazione di Frosinone

Tradito dalla voglia di comprare alcune dosi di marijuana. E' finito in manette un tunisino di 19 anni arrivato ieri a Roma da Frosinone, forse per vendere della merce rubata poi trovata in suo possesso. Gioielli, cellulari, pc che da indagini successive sono risultati frutto di un furto in abitazione commesso lo stesso giorno. 

Il giovane, una volta giunto alla Stazione Termini, è stato fermato da un pusher all’opera in via Gioberti e non ha resistito alla tentazione di comprare dell’erba.

Le sue mosse, però, sono state notate dagli agenti del Commissariato Viminale che lo hanno visto consegnare all’altro giovane delle banconote ottenendo in cambio un involucro, che si accerterà poi contenere 5 grammi di marijuana.

I due alla vista dei poliziotti sono immediatamente fuggiti dirigendosi in direzione opposte, stratagemma servito a poco. I due, infatti, sono stati inseguiti e arrestati, dopo una breve colluttazione. Una volta condotti in Commissariato, sono iniziate le indagini.

Il pusher è stato identificato per un 30enne del Gambia, e arrestato per spaccio in flagranza. Indosso al 19enne, come detto, sono stati rinvenuti numerosi preziosi, smartphone e computer portatili che, dai successivi accertamenti, sono risultati provento di furto. Il ragazzo appena maggiorenne è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per rispondere di ricettazione, resistenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Frosinone a Roma per vendere il bottino di un furto: tradito dalla voglia di marijuana

RomaToday è in caricamento