rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca Tor Pignattara

Arrestato portavoce della comunità bengalese a Roma, è accusato di sequestro di persona

Nure Alam Siddique detto 'Bachcu', presidente della storica associazione bengalese di Torpignattara, è accusato di sequestro di persona ed è stato arrestato in una operazione congiunta di carabinieri e polizia

Nure Alam Siddique detto 'Bachcu', presidente della storica associazione Dhuumcatu di Torpignattara, è stato arrestato e portato in carcere per una storia di un sequestro di persona. Una vicenda intricata ricostruita dai carabinieri, dalla polizia di Stato e dalla sezione della direzione distrettuale antimafia della procura di Roma che solleva anche una serie di interrogativi sulle attività dell'associazione. 

Secondo quanto emerso, infatti, 'Bachcu' insieme ad altri sodali avrebbe sequestrato un uomo, un connazionale, per una storia di un debito che, partito da 10mieurla o, aveva raggiunto la cifra di 100.000 mila euro. Soldi che sarebbero serviti per questioni riguardanti le pratiche per il rilascio del permesso di soggiorno in favore di due persone. La vittima del sequestro di persona, infatti, nel 2021 per aiutare i suoi due amici clandestini si era rivolto a connazionali bengalesi che sono a Roma da anni per avere i documenti legali, costo dell'operazione 7000 euro.

A quel punto inizia una spirale di richieste. La cifra sale e raggiunge i 100mila euro. A fare da intermediatore per quel prestito ci sarebbe stato proprio 'Bachu' che, stanco di non aver sistemato la questione avrebbe organizzato l'azione ritorsiva, ossia il sequestro di persona. 

Il sequestro di persona

La vittima bengalese, il 30 ottobre 2022, è stato trascinato da tre uomini fuori da un ristorante indiano in via Torpignattara, mentre era a cena con la moglie e la figlia. I rapitori lo avevano aggredito per la questione dei soldi che da 7mila nel frattempo erano arrivati a 100mila, che l'uomo non era riuscito a saldare. Dopo averlo caricato su un'auto portandolo poi in Abruzzo. La polizia, ricevuta la denuncia della moglie, contattò i colleghi de L'Aquila facendo scattare il blitz in un hotel a Carsoli, dove la vittima era stata portata dai suoi aguzzini. 

Nella stanza 46, il 31 ottobre di quell'anno, la vittima viene trovata e salvata. Nella stanza accanto, invece, vengono bloccati e arrestati tre dei suoi aguzzini, mentre il quarto, l'autista, riesce a scappare. Ferito, con segni al volto, secondo quanto ricostruito la vittima fu anche bendata e con le mani e i piedi legati. Il gruppo, durante il tragittò, minacciò anche di morte il bengalese insolvente. La vicenda sembrava finita lì, ma così non fu. 

Scenario oscuro

Secondo quanto emerso, stando infatti anche al racconto della vittima fornito ai carabinieri di Torpignattara, lo scenario sarebbe stato più intricato. L'uomo, infatti, aveva ascoltato le conversazioni telefoniche tra i sequestratori e un altro connazionale, ritenuto elemento di spicco della comunità bengalese romana, 'Bachcu' appunto. Quest'ultimo avrebbe fornito le indicazioni sulle modalità logistiche e operative di conduzione del sequestro.

Secondo quanto ricostruito, infatti, un altro cittadino bengalese aveva invitato la vittima e la sua famiglia nel ristorante indiano di via di Torpignattara. Un appuntamento che, però, si è rivelato una trappola. I rapitori, quando rapiscono la vittima e la caricano in auto, chiamano 'Bachcu' anche in videochiamata che dà le direttive: "Non vi dovete fermare a Torre Maura, vai fuori Roma. So che ha un appartamento a Dacca, lo vende e mi dà 200mila euro. Se non da i soldi, ammazzare". Le indicazioni erano quelle di andare a Carsoli.

Sequestro anche altre volte

Non solo. Secondo quanto denunciato dalla vittima, 'Bachcu' gestirebbe un gruppo di 15-20 uomini che farebbero affari illeciti. E ci sarebbe di più. La vittima ha raccontato che già a gennaio 2022, 'Bachcu' e i suoi gli avevano intimato il pagamento addirittura di 200 mila euro, non di centomila. In quell'occasione l'uomo fu prelevato dal suo appartamento e portato in via delle Gardenie, dove era stato trattenuto per due giorni e rilasciato dopo un pagamento. 

Durante quel sequestro di persona, la vittima raccontò anche di essere stato picchiato da 'Bachcu': "Mi ha sferrato ripetutamente pugni sul visto e sullo zigomo destro, dicendo che se non avessi pagato non mi lasciava andare". I due transano.

'Bachcu' si accontenta di avere 7mila euro per quella pratica e il fratello della vittima, pochi giorni il sequestro, paga i primi 4mila euro. Passano pochi giorni, la vittima paga altri 2900 euro e poi viene nuovamente sequestrata, questa volta a Tor Pignattara nella sede dell'associazione Dhuumcatu, perché 'Bachcu' riprendeva avere 100 mila euro. L'uomo riesce a caversela, 'Bachcu' continua a chiedergli i soldi, ma fino al 30 ottobre di lui e del gruppo non ha più notizie, fino all'appuntamento trappola. 

carabinieri e polizia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato portavoce della comunità bengalese a Roma, è accusato di sequestro di persona

RomaToday è in caricamento