menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto in abitazione ad Ardea: ladro braccato si costituisce ai carabinieri

In manette un 44enne. Il tentato colpo nell'ottobre del 2013. Il complice arrestato subito dopo aver tentato di svaligiare l'appartamento

Si è costituito spontaneamente ai carabinieri di Anzio. Ad essere arrestato un 44enne, originario di Roma e residente ad Ardea, noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti penali, in ottemperanza ad un ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Velletri nel mese di ottobre 2013, poiché ritenuto responsabile di un tentato furto in abitazione.

FURTO AD ARDEA - I fatti si sono verificati la notte del 18 ottobre ad Ardea quando l’uomo, unitamente ad un complice di 10 anni più giovane, dopo aver forzato una finestra, era riuscito ad introdursi all’interno di un’abitazione per derubarla; tuttavia, in conseguenza dell’attivazione improvvisa ed inaspettato dell’allarme, i due decisero di darsi alla fuga e di desistere dal loro intento.

VIDEOSORVEGLIANZA - Per loro sfortuna, però, l’abitazione era dotata di un impianto di videosorveglianza e proprio grazie alla visione delle telecamere i militari della locale Stazione Carabinieri di Marina Tor San Lorenzo riuscirono ad identificare da subito i due malviventi. Le immediate ricerche consentirono di rintracciare e bloccare lungo la strada uno dei due topi di appartamento mentre l’altro, nonostante tutti i controlli eseguiti presso le abitazioni di appoggio ed i luoghi di frequentazione, riuscì a rendersi irreperibile.

BRACCATO DAI CARABINIERI - L’arrestato nella circostanza fu associato presso il carcere di Velletri mentre per il suo complice, pochi giorni dopo, il Gip presso il Tribunale di Velletri ha emesso un ordinanza di custodia cautelare in carcere dichiarandolo latitante il successivo mese di novembre. Solo l’altro giorno l’uomo, che probabilmente si sentiva braccato, ha deciso di costituirsi presso la Compagnia di Anzio, in conseguenza anche delle pressanti ricerche che non si erano mai interrotte, anzi si erano intensificate nelle ultime settimane. Al termine di tutti gli accertamenti è stato quindi associato nel carcere di Velletri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento