Cronaca

Da San Basilio e Torre Angela droga nella Tuscia: 30 arresti

Il presunto sodalizio criminale si riforniva a San Basilio e in VIII municipio. L'operazione coinvolge le province di Roma, Viterbo, Firenze, Matera, Terni e Venezia

Si riforniva a San Basilio e Torre Angela per riempire di droga l'intero territorio della Tuscia. E' questa l'accusa che ha portato a disporre la custodia cautelare per 30 persone (di cui 23 in carcere e 7 agli arresti domiciliari), responsabili, a vario titolo, di traffico di sostanze stupefacenti, componenti di un sodalizio criminale operante nella Tuscia.

L'operazione portata a termine dai Carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo unitamente alla Guardia di Finanza ha consentito di fare luce su una vasta organizzazione che gestiva lo spaccio di cocaina nella provincia di Viterbo, finanziata anche con i proventi illeciti di numerosi furti in abitazioni ed esercizi commerciali messi a segno nel Lazio ed in Toscana.

Il blitz è partito questa mattina all'alba e ha visto un dispiegamento di mezzi imponente, con l'impiego di oltre quattrocento militari, un centinaio di mezzi ed un elicottero, disseminati tra le province di Roma, Viterbo, Firenze, Matera, Terni e Venezia. Nella provincia di Roma l'operazione ha riguardato le località di Capena, Ciampino, Fonte Nuova, Rignano Flaminio, oltre che diversi quartieri della Capitale (Esquilino, San Basilio e Torre Angela).

Nel corso delle decine di perquisiozioni effettuate le forze dell'ordine hanno sequestrato ingenti quantitativi di cocaina, hashish, ketamina, marijuana e 40 piante di canapa indica. Con il blitz di stamani giunge così al suo epilogo l'Operazione Vito, un'attività investigativa iniziata nel giugno 2010 e che aveva già portato nei due anni precedenti a 25 arresti in flagranza di reato e circa 4,5 kg di stupefacenti sequestrati.

Coordinata dalla Dott.ssa Paola Conti della Procura della Repubblica di Viterbo, l'operazione "Vito" prende il nome da un modello di furgone (Mercedes Vito) usato da uno dei soggetti (nei confronti del quale è stata eseguita in data odierna una delle ordinanze disposte) per la propria illecita attività di spaccio e consegna di sostanze stupefacenti a domicilio ai propri clienti.

Tra i risultati pregressi dell'indagine, si inseriscono gli arresti eseguiti in occasione della così detta "Operazione Gipsy" con la quale fu smantellata un'organizzazione criminale di rumeni dedita ai furti in abitazione e presso esercizi commerciali, particolarmente specializzati nello scasso di distributori automatici in Lazio e Toscana nel 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da San Basilio e Torre Angela droga nella Tuscia: 30 arresti

RomaToday è in caricamento