Cronaca Tor Bella Monaca / Via dell'Archeologia

Maxi operazione a Tor Bella Monaca: scacco agli "affari di famiglia" di Ottone

In manette 11 persone facenti capo ad un gruppo familiare radicatosi da tempo nel quartiere di Tor Bella Monaca. Sequestrati anche una villa a Prato Fioriti e numerosi rolex

Sette mesi di indagini, 11 arresti e il sequestro di una villa e numerosi rolex e preziosi. Sono i numeri dell'operazione Affari di Famiglia con cui la Polizia Locale di Roma Capitale ha smantellato una fiorente attività di spaccio di eroina nel cuore di Tor Bella Monaca.

IL BLITZ - Una intensa attività che ha visto in campo 27 pattuglie e 2 moto della Polizia Locale di Roma Capitale, 80 agenti, 4 unità cinofile con i cani Baddy, Xa, Spider e Inko, e il supporto dei Carabinieri del Nucleo Operativo di via in Selci. Le operazioni, iniziate alle 05:30 di oggi 6 febbraio, hanno visto in azione il Comando Generale PSO, dai gruppi SPE, GPIT e Torri coordinati dal vice comandante Di Maggio e il personale della sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura di Roma, diretti dalla dottoressa Mileto.

LE ZONE DELLO SPACCIO  - Le indagini sono partite a gennaio 2016, con prolungate attività di osservazione, intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre che pedinamenti in numerosi quartieri di Roma, in particolare Tor Bella Monaca, Torre Angela, Borghesiana, Rebibbia, Centocelle e San Basilio, nonché nei territori di Valmontone, Campobasso e nella provincia di Verona. Le ordinanze nei territori fuori provincia di Roma sono state eseguite dalle rispettive Polizie Locali e dai Carabinieri di Cambobasso. Le persone arrestate verranno tradotte presso i carceri di Regina Coeli e Rebibbia.

OTTONE E GLI AFFARI DI FAMIGLIA -  Le indagini hanno fatto emergere i legami e i ruoli ricoperti dagli arrestati, facenti capo ad un gruppo familiare radicatosi da tempo nel quartiere di Tor Bella Monaca, responsabili a vario titolo di "stabili e continue attività illecite finalizzate principalmente allo spaccio di sostanze stupefacenti (eroina e cocaina)".


In cima alla piramide c'era Ottone, 27enne romano residente a Torre Angela. Era lui ad impartire gli ordini e le direttive ai suoi sodali. Tra questi "Cuccarini" e "Pietruccio", romani, che facevano da collante con "Chanteclair" 40enne di origini partenopee che da Tor Bella Monaca gestiva un gruppo di 5 pusher tra i 54 e i 26 anni. Erano loro a mettere su piazza eroina e cocaina. Noti i luoghi dello spaccio in particolare viale dell'Archeologia e largo Brandizzi. Qui, nella torre 2, in un appartamento all'ottavo piano, veniva custodita la merce.

VILLA E ROLEX - Le perquisizioni, effettuate stamane, sono state effettuate anche con ausilio di unità cinofile della Polizia Penitenziaria, intervenuta con 4 cani. Nella villa con piscina sequestrata a Prato Fiorito sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro 6 preziosi orologi Rolex e vari monili d'oro.

Ma anche un trono e un quadro di Al Pacino, raffigurante Tony Montana in Scarface. Sigili anche ad una unità Immobiliare nel comune di Terracina, a Latina. Il tutto perché dalle indagini è emersa una "rilevante sproporzione" tra il reddito dichiarato e il valore dei beni presenti.

CLICCA CONTINUA PER VEDERE TUTTE LE FOTO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi operazione a Tor Bella Monaca: scacco agli "affari di famiglia" di Ottone

RomaToday è in caricamento