Droga destinata a San Basilio, Paroli e Torpignattara: arrestati spacciatori di shaboo

Gli spacciatori sono appartenenti a due gruppi di spaccio cooperanti tra loro e attivi nei quartieri Parioli, Trieste, Africano, San Basilio e Torpignattara

Immagine di repertorio

Un giro di spaccio di shaboo tra i quartieri San Basilio, Parioli e Torpignattara. E' quando hanno scoperto i Carabinieri della Compagnia Roma Parioli eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due romani, una 36enne e un 39enne entrambi arrestati e di una cittadina filippina di 31 anni, sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di firma, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati in concorso, di spaccio e detenzione di sostanza stupefacente.

Si tratta del risultato di un'intensa attività investigativa condotta dai Carabinieri convenzionalmente denominata 'Crystal Ice': le persone interessate dall’operazione antidroga sono tutte vecchie conoscenze delle forze dell’ordine. L'indagine è nata dopo l’arresto di un pusher di shaboo eseguito dai Carabinieri della Stazione Roma Viale Eritrea lo scorso 24 marzo, e si è sviluppata successivamente nel periodo compreso tra i mesi di aprile e luglio del 2016.

Nel corso dell’attività, i militari hanno raccolto solidi elementi a carico dei 3 indagati, indicati quali appartenenti a due gruppi di spaccio cooperanti tra loro e attivi nei quartieri Parioli, Trieste, Africano, San Basilio e Torpignattara.

Durante lo sviluppo delle indagini, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato 9 persone, mentre altre 2 sono state denunciate a piede libero, tutte con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In questo contesto sono state sequestrate diverse dosi di shaboo e oltre 10mila euro in contanti ritenuti provento della loro illecita attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il G.I.P. del Tribunale di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma, ha concordato pienamente con le risultanze investigative dei Carabinieri, emettendo gli odierni provvedimenti: la 36enne è stata rinchiusa nella sezione femminile del carcere di Rebibbia, il 39enne è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari mentre alla cittadina filippina 31enne è stata irrogata la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento