rotate-mobile
Cronaca

Corruzione a Ostia, favori in cambio di autorizzazioni edilizie: 12 arresti. Nei guai anche un imprenditore balneare

Le indagini, condotte anche attraverso intercettazioni, telefoniche e ambientali, hanno messo in luce numerosi episodi di corruzione che hanno coinvolto funzionari pubblici, liberi professionisti e imprenditori

Blitz a Ostia per una operazione che ha portato all'arresto di dodici persone tra funzionari pubblici del X Municipio, liberi professionisti e imprenditori, tra loro anche un balneare. Personale della sezione di polizia giudiziaria della polizia locale ha eseguito un'ordinanza di misura cautelare notificata a due persone, portate in carcere a Regina Coeli, e agli altri dieci agli arresti domiciliari.

L'operazione è scattata dalle tre di notte del tre maggio. L'ordinanza è stata disposta dal gip di Roma dopo l'inchiesta coordinata dal pool per i reati contro la pubblica amministrazione della Procura di Roma. Le indagini, condotte anche attraverso intercettazioni, telefoniche e ambientali, hanno messo in luce numerosi episodi di corruzione che hanno coinvolto funzionari pubblici, liberi professionisti e imprenditori. Numerose le accuse per gli indagati. Oltre all'esecuzione delle misure cautelari, oltre 100 poliziotti locali stanno ancora eseguendo numerose perquisizioni e sequestri.

L'indagine 

Secondo quanto appreso l'indagine parte da fatti che sarebbero stati commessi da novembre 2022. In quel periodo sarebbero state chieste autorizzazioni edilizie a uno degli uffici del X Municipio in cambio di soldi e favori. I due finiti in carcere sono due funzionari del X Municipi. Uno di loro è dipendente comunale del 2004 e operativo nell'ufficio che si occupa dell'istruttoria e della vigilanza in materia di interventi di edilizia privata, nonché dell'attività sanzionatoria prevista dalla normativa di settore. In sostanza l'ufficio che esegue controlli, sopralluoghi e accertamenti tecnico-edilizi di ispettorato.  

Il coinvolgimento dell'imprenditore balneare

Tra i casi finiti sotto la lente degli inquirenti anche quello relativo "al fattivo interessamento degli indagati (inteso come i due funzionali municipali) alla pratica riguardante lo stabilimento 'Shilling' di cui è concessionario Fabio Balini (indagato e ai domiciliari), dietro la promessa di un compenso il 29 novembre scorso e l'effettiva consegna il 5 gennaio scorso di una somma di denaro" prima da parte di un indagato "e poi da parte dello stesso Balini, somma in quest'ultimo caso di 5mila euro che in seguito, a causa dell'esito comunque negativo per Balini della conferenza di servizi, viene restituito, in attesa di un epilogo positivo della vicenda in futuro".

"Grazie alla Procura e alle donne e gli uomini della polizia locale di Roma Capitale per l'operazione anticorruzione di oggi che ha portato all’arresto di 12 persone. Nessuno spazio per corruzione e malaffare nella nostra città", ha commentato il sindaco Roberto Gualtieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione a Ostia, favori in cambio di autorizzazioni edilizie: 12 arresti. Nei guai anche un imprenditore balneare

RomaToday è in caricamento