menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Armati e pronti a tutto: trovati a Finocchio due pericolosi latitanti

Ricercati entrambi per rapina i due malviventi avevano esploso dei colpi di pistola contro i finanzieri per sfuggire lo scorso marzo ad un posto di blocco a Barletta

Pronti a tutto. Due pericolosi latitanti pugliesi, pronti a sparare, armati di due pistole e di una mitraglietta Scorpio, sono stati localizzati e arrestati a Finocchio,  borgata nella periferia est della Capitale, nel corso di un blitz congiunto condotto dai Carabinieri della Compagnia di Frascati, della Compagnia di Barletta, Carabinieri del Ros di Roma e personale della Guardia di Finanza di Barletta. Si tratta di Antonio Scelsi, 44 anni, evaso dalla casa circondariale di Turi, in provincia di Bari, il 28 dicembre 2012 per non aver fatto rientro al termine di un permesso; e di Giuseppe Cirino, 25 anni, ricercato perché destinatario di un ordine di custodia cautelare emesso da Tribunale di Bologna per rapina.

SPARI AI FINANZIERI - Entrambi erano inoltre ricercati perché destinatari di un provvedimento di fermo emesso dalla Procura di Trani poiché lo scorso 18 marzo, a Barletta, fermati per un controllo da una pattuglia della Guardia di Finanza, dopo aver mostrato documenti falsi, non avevano esitato a sparare per guadagnarsi la fuga. Avuta notizia della presenza dei due pericolosi latitanti in zona i Carabinieri sono riusciti a individuare il luogo dove si nascondevano nella borgata Finocchio nel Municipio delle Torri.

ARMATI FINO AI DENTI - I militari dell’Arma hanno cinturato la zona, unitamente ai militari della Guardia di Finanza e hanno fatto scattare il blitz. I due malviventi, nonostante fossero armati di due pistole revolver e di una mitraglietta Scorpio, completi di munizioni non hanno avuto il tempo di reagire e sono stati catturati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento