Cronaca

Armi abusive, oltre 500 controlli nel Lazio: 15 persone denunciate

L'attività di controllo dei carabinieri ha riguardato il litorale, i Castelli Romani, le zone della Prenestina e Tiburtina fino al confine con le province di Frosinone e l'Aquila

Oltre 500 persone controllate e 150 perquisizioni, quindici persone denunciate e sequestrati cinque fucili e due pistole. Questo il bilancio dell'attività di controllo messa in atto dai carabinieri sulla detenzione di armi lungo il litorale tra Nettuno e Pomezia, i Castelli Romani e le zone Tiburtina e Prenestina fino ai confini con le province di Frosinone e l'Aquila. I militari hanno trovato e sequestrato cinque fucili da caccia calibro 12, due pistole semiautomatiche calibro 9 e calibro 7.65 e numerose munizioni di vario calibro. Le quindici persone denunciate dovranno rispondere di detenzione abusiva di armi e munizioni o per omesse comunicazioni all'Autorità di pubblica sicurezza.

I controlli erano volti anche alla prevenzione di gravi delitti contro la persona e il patrimonio, soprattutto rapine. I carabinieri di Frascati hanno rintracciato un cittadino italiano residente in provincia di Reggio Calabria e un nomade di etnia rom che avevano messo a segno una rapina in un distributore di carburante sulla Prenestina nel dicembre 2009. Ad incastrarli è stato il confronto delle impronte digitali e l'esame delle registrazioni dei sistemi di videosorveglianza. I due sono responsabili anche di detenzione abusiva di armi e il materiale sequestrato sarà esaminato per verificare se in passato sia stato utilizzato per compiere rapine o altri delitti.

Ulteriori controlli riguarderanno le licenze in materia di armi per verificare se i titolari sono ancora in possesso dei requisiti richiesti dalla legge.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi abusive, oltre 500 controlli nel Lazio: 15 persone denunciate

RomaToday è in caricamento