menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altro arbitro picchiato a Roma: l'aggressione durante lo spareggio di 2^ categoria

L'assessore allo sport Frongia: "Dopo il caso Bernardini ennesimo episodio di follia sul rettangolo verde"

Ancora un arbitro picchiato a Roma. Dopo il caso riguardante Riccardo Bernardini, il giovane fischietto aggredito a San Basilio, dai campi di periferia arriva un nuovo episodio di violenza. Questa volta lo scenario è quello del Campo Villa dei Massimi, in via Portuense 974, durante lo spareggio di 2^ categoria fra la Polisportiva Giovanni Castello e il Tormarancia.

Secondo quanto ricostruito l'arbitro, il 27enne Daniele Pozzi, viste le intemperanze, a pochi secondi dalla fine della partita, ha deciso si rientrare anzi tempo negli spogliatoi. Qui è iniziata la caccia all'uomo. Sul caso procedono i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur, in attesa che il giovane giudice di gara formalizzi la denuncia. 

Il fischietto è stato rincorso, inseguito da tifosi e tesserati, quindi aggredito con pugni e schiaffi. Il tutto ripreso dalle telecamere di NotiziarioCalcio.com che ha seguito l'incontro. Soccorso è stato portato al San Camillo dove ne avrà per 10 giorni.

Daniele Frongia Assessore Sport, Politiche Giovanili, Grandi Eventi di Roma, ha commentato l'episodio: "Dopo il caso Bernardini ennesimo episodio di follia sul rettangolo verde, ancora una volta dobbiamo parlare di sport come mezzo che propaga violenza, quando dovrebbe essere tutt'altro. La mia piena solidarietà va all'arbitro e, nuovamente, sottolineo la necessità di convergere l’impegno delle istituzioni, di cui faccio parte, nella promozione, fin da piccoli, dei valori sani dello sport. Bisogna fare molto più che propaganda per far diminuire il fenomeno, il mio impegno continua ad essere costante in questa direzione".

aia latina-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento