Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Dalla raccolta differenziata a quella delle foglie: gli appalti Ama arricchiscono Buzzi&co

Nel mirino degli inquirenti almeno tre gare d'appalto sospettate di essere state 'pilotate' dall'esterno grazie ad agganci interni all'azienda capitolina

Raccolta differenziata, verde pubblico, pulizia delle strade dalle foglie. Non solo emergenze da tamponare e 'allarmi rossi' come i casi riportati ieri da Romatoday, dai maiali immortalati a scorrazzare liberi tra i rifiuti accumulati per la strada alle stazioni metro sporche. L'affare rifiuti della Capitale è finito nelle maglie della 'cupola mafiosa' al centro dell'inchiesta della Procura 'Terra di Mezzo' anche per diversi appalti in capo all'Ama. Gare che per gli inquirenti sospettano siano state 'pilotate' grazie ai solidi agganci che Salvatore Buzzi e il gruppo di cooperative a lui riconducibili, si era assicurata nei ranghi dell'azienda capitolina.

Franco Panzironi, descritto nelle oltre mille pagine di ordinanza come uomo a 'libro paga' dell'associazione mafiosa (alcune intercettazioni parlano di 15 mila euro al mese). Panzironi, che per gli inquirenti vantava relazione diretta con l'ex sindaco Gianni Alemanno, sarebbe stato in grado di far sentire la sua influenza anche quando non era più amministratore delegato di Ama, dal 4 agosto del 2011. E ancora. L'ex direttore generale Giovanna Anelli e il successivo Giovanni Fiscon, entrambi arrestati martedì scorso.

Affari a sei zeri assicurati alle tasche delle cooperative finite al centro dell'inchiesta grazie ai legami costruiti nel tempo. Tra gli appalti finiti nelle oltre mille pagine di ordinanza figura la gara numero 18 del 2011 relativa all'assegnazione della raccolta differenziata per conto del Comune di Roma per un periodo di 24 mesi. Importo: 21 milioni e 450 mila euro. Nella relazione sulla gestione del bilancio al 31.12.2012 della Coop. Sociale 29 Giugno Onlus si legge: “Alla fine dell’anno 2012 la cooperativa ha avviato, insieme alla cooperativa 29 Giugno Servizi, la gestione integrale dei servizi di raccolta differenziata del rifiuto organico (lotti 2, 3, 4, 5) e del multimateriale (lotto 4) eseguiti in qualità si associata di CNS e per conto di AMA S.p.A".

Nella ragnatela delle cooperative legate a Buzzi sembra essere finito anche l'appalto relativo alla raccolta delle foglie del dicembre del 2012. E ancora. Turbativa d'asta è ipotizzata anche per la gara numero 30 del 2013 per la raccolta differenziata multimateriale che vedeva con responsabile del procedimento Fiscon. Anche qui sono stati registrati numerosi contatti “intesi a inficiare la regolarità della gara”.

Secondo quanto emerge da alcune intercettazioni in alcuni casi Buzzi alcuni giorni prima dell'aggiudicazione avrebbe già avuto “certezza dell'essere affidatario dei lavori”. Inoltre si legge nell'ordinanza: “In tale contesto appare assai significativa la circostanza che, il giorno successivo all’aggiudicazione della raccolta differenziata le società riconducibili a Buzzi eroghino, a favore della fondazione riconducibile a Panzironi e Alemanno, una somma pari a 30.000 euro”.

Il lavoro di infiltrazione nell'azienda per 'indirizzare' l'aggiudicazione delle gare di appalto sarebbe infatti continuato anche con il cambio di colore politico dell'amministrazione avvenuto nel giugno del 2013. Le attività investigative hanno rilevato un lavoro di “individuazione di nuovi interlocutori” all'interno dell'azienda e una “rimodulazione delle strategie” che andrà a buon fine.

Ecco il piano di Carminati esposto in una conversazione telefonica: “ Gli si dice adesso che cazzo ..“ora che abbiamo fatto questa cosa, che progetti c'avete? Allora nel progetto, perchè voi fate li progetti.. la politica.. adesso che progetti c'avete? Teneteci presenti per i progetti che c'avete, che te serve? Che cosa posso fare? Come posso guadagnare, che te serve il movimento terra? Che ti attacco i manifesti? Che ti pulisco il culo ..ecco, te lo faccio io perchè se poi vengo a sape’ che te lo fa un altro, capito? Allora è una cosa sgradevole”..però famolo se no ..se perdemo la battuta. Prima dell'estate, prima dell'estate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla raccolta differenziata a quella delle foglie: gli appalti Ama arricchiscono Buzzi&co

RomaToday è in caricamento