Cronaca

L'antifurto del bike sharing blocca ladri di biciclette: malviventi in manette

I ladri maldestri sono stati subito bloccati. Nascondevano anche dosi di hashish, marijuana e cocaina

E' stato il sistema di allarme in remoto del bike sharing a bloccare due ladri di biciclette maldestri. E' accaduto nei pressi della Bocca della Verità quando i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato due marocchini, di 27 e 35 anni, irregolari in Italia e con precedenti, con le accuse di "furto aggravato, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico Ufficiale".

Ieri sera, i malviventi avevano manomesso il dispositivo di sicurezza di una bicicletta del noleggio 'bike sharing' per poi allontanatirsi in sella alla stessa lungo via di Santa Maria in Cosmedin, direzione Bocca della Verità. I due, però, non avevano fatto i conti con il sistema di allarme in remoto che ha bloccato improvvisamente le ruote della bicicletta, scaraventandoli a terra, dove sono stati trovati dai Carabinieri, intervenuti immediatamente sul posto a seguito della segnalazione di un passante giunta al 112.

I ladri maldestri sono stati subito bloccati. Nelle loro tasche i Carabinieri hanno rinvenuto dosi di hashish, marijuana e cocaina.

Portati al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Addolorata per medicare le escoriazioni riportate nella brusca caduta, i due arrestati hanno iniziato a spintonare ed aggredire a calci e pugni i militari che però sono riusciti a contenerli. Successivamente sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'antifurto del bike sharing blocca ladri di biciclette: malviventi in manette

RomaToday è in caricamento