Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

Morte Andrea Purgatori: due indagati per omicidio colposo. Attesa l'autopsia

Nell'esposto depositato a piazzale Clodio i familiari hanno chiesto che venga fatta luce sulla correttezza della diagnosi refertata al giornalista e delle cure apportate

Due persone sono state iscritte nel registro degli indagati nel fascicolo aperto in procura a Roma sulla morte di Andrea Purgatori in seguito all'esposto presentato dalla famiglia del giornalista. Si tratta di due persone che operano in una struttura di diagnostica. Nell'esposto depositato a piazzale Clodio i familiari hanno chiesto che venga fatta luce sulla correttezza della diagnosi refertata al giornalista e delle cure apportate.

L'autopsia

Intanto la prossima settimana i pm titolari dell'indagine in cui si procede per l'ipotesi di omicidio colposo, conferiranno l'incarico al medico legale per eseguire l'autopsia mentre si sta procedendo all'acquisizione delle cartelle cliniche nelle strutture che hanno avuto in cura il giornalista scomparso mercoledì scorso.

La tesi della famiglia

La famiglia di Purgatori - rappresentata dall'avvocato Gianfilippo Cau e difesa nel procedimento dagli avvocati Alessandro e Michele Gentiloni Silveri - ha chiesto che "venga accertata la correttezza della diagnosi refertata in una nota clinica romana e la conseguente necessità delle pesanti terapie a lui prescritte, e se, a causa dei medesimi eventuali errori diagnostici, siano state omesse le cure effettivamente necessarie". 

Nell'annunciare la notizia del decesso, i familiari si erano limitati ieri a parlare di una "breve fulminante malattia". Secondo quanto si apprende, il giornalista soffriva di una grave forma tumorale e aveva girato più di una clinica, oltre a quella indicata nella denuncia. Spetterà ora all'inchiesta della procura romana approfondire se vi siano stati errori da parte dei sanitari che avevano in cura il giornalista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Andrea Purgatori: due indagati per omicidio colposo. Attesa l'autopsia
RomaToday è in caricamento