Rifiuti ospedalieri e petrolio galleggianti, per la Valle Galeria si teme un "disastro ambientale"

A prospettare il peggio il deputato del Movimento cinque stelle Stefano Vignaroli presente sul posto. Ieri la Polizia di Roma Capitale ha disposto il sequestro delle aree

Sacche di sangue, siringhe e rifiuti ospedalieri di vario genere galleggianti. E poi petrolio e idrocarburi scivolati fuori dalla raffineria insieme all'acqua che inondato ogni cosa. La Polizia di Roma Capitale ha provveduto al sequestro dei terreni attigui alla raffineria e all'inceneritore dell'Ama a Ponte Malnome e ora sarà la magistratura a decidere come procedere. Una decisione confermata nella giornata di ieri quando l'assessore all'Ambiente Estella Marino ha effettuato un sopralluogo nella zona insieme ai comandanti dei Gruppi XI e XII della Polizia Locale, i presidenti dei Municipi XI e XII, Maurizio Veloccia e Cristina Maltese, e all'Arpa che procederà all'analisi dei terreni.

"La Polizia Locale di Roma Capitale  ha disposto il sequestro delle aree nella zona di via di Ponte Malnome, dove, a seguito dell'ondata che ha interessato lo stabilimento Ama e la vicina raffineria, si è verificato il versamento di idrocarburi e di alcuni rifiuti” scrive l'assessore. L'Ama ha negato qualsiasi fuoriuscita di rifiuti dal sito, assicurando che all'interno dello stabilimento la situazione è tornata presto alla normalità: “Il personale aziendale con l’ausilio di mezzi speciali ha provveduto a mettere in sicurezza i rifiuti medici ospedalieri all’interno di appositi cassoni scarrabili, in attesa di essere avviati a incenerimento”.

Per la Valle Galeria però, per usare le parole del deputato del Movimento cinque stelle Stefano Vignaroli, si teme il rischio di un vero e proprio “disastro ambientale”. Scrive il parlamentare pentastellato: “Due giorni tra fango pioggia e rifiuti insieme ai cittadini per denunciare ciò che era accaduto a causa della pioggia alluvionale e che stavano tutti prendendo sotto gamba. Le Raffinerie di Roma non avevano segnalato l'incidente della fuoriuscita di petrolio alle autorità competenti ma abbiamo dovuto farlo noi ieri, ho perso il conto delle telefonate che ho fatto. La fuoriuscita nei campi dei rifiuti ospedalieri era stata sul momento ridimensionata dall'Ama affermando che tali rifiuti erano rimasti dentro l'impianto e raccolti” si legge sulla sua pagina Facebook.

Per Vignaroli, non solo rifiuti ospedalieri e idrocarburi: “Abbiamo anche filmato gli sversamenti di percolato della discarica nel fosso.Tutto questo arriva al Tevere e riguarda tutto il Lazio e il nostro Paese. C'erano pecore che pascolavano e campi coltivati.... un dramma inquantificabile e inqualificabile” scrive Vignaroli che ricorda come la zona attorno alla discarica di Malagrotta per la presenza di diversi impianti inquinanti è sottoposta alla legge Seveso “e non può non avere un piano di sicurezza che consideri la vicinanza di tutti questi impianti”.

Anche il consigliere regionale del gruppo Per il Lazio, Cristiana Avenali, presente al sopralluogo ha espresso preoccupazione di fronte alle immagini che raffigurano macchie nere “causate dalla fuoriuscita di olio nel terreno circostante la raffineria”. Continua Avenali: “Certo è che una volta finiti gli accertamenti chi avrà inquinato dovrà pagare e bonificare, ma altrettanto importante sarà intervenire per evitare che simili fatti possano nuovamente accadere. Le istituzioni tutte si devono impegnare per diminuire la pressione degli impianti impattanti presenti nella Valle Galeria, e dopo la chiusura di Malagrotta deve essere definitivamente bloccato il vicino gassificatore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allarmati anche i cittadini che hanno provveduto a denunciare tutto l'accaduto. Scrive Alssandro Costantino Pacilli dei Cittadini Liberi della Valle Galeria: "Ovviamente tra ieri ed oggi abbiamo effettuato una serie di esposti che hanno attivato tutte queste operazioni. Abbiamo provveduto anche a segnalare lo sversamento di Percolato dalla discarica di Malagrotta nel canale di Via degli Oleodotti, che poi finisce nel Rio Galeria, interverrà la Polizia di Roma Capitale del XII Gruppo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento