rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Alluvione, danni per 243 milioni di euro: Ostia e Prima Porta le aree più colpite

La stima è stata elaborata dal Campidoglio dopo una ricognizione sul territorio consultando i municipi. I più colpiti sono risultati il X (Ostia-Casalpalocco) e il XV (Cassia-Prima Porta)

Danni per 243 milioni di euro. Finalmente abbiamo cifre reali, fotografia del caos lasciato dall'alluvione che ha colpito la Capitale lo scorso weekend. La stima è stata elaborata dal Campidoglio dopo una ricognizione sul territorio consultando i municipi. I municipi più colpiti, il X (Ostia-Casalpalocco) e il XV (Cassia-Prima Porta).

I danni per l'inondazione all'Infernetto, Ostia e Casalpalocco richiedono 5 milioni di euro; 2,5 serviranno a ripristinare la corretta funzionalità della viabilità a Piana del Sole, per via Boccea servirà un milione e 50 mila euro. Per il momento ne sono stati stanziati 10 di milioni.  

TUTTE LE FOTO DELL'ALLUVIONE

"Il Comune sta facendo la sua parte, lunedì scorso ho convocato una giunta d'emergenza dopo i sopralluoghi fatti nei luoghi più colpiti dall'alluvione, e abbiamo stanziato 10 milioni immediatamente spendibili per aiuti alle famiglie che hanno perso tutto. L'assessore al Bilancio e i tecnici del gabinetto stanno scrivendo una norma (che porteremo domani in giunta) affinché ci sia un accesso rapide a queste risorse, senza lacci e lacciuoli burocratici" ha comunicato a Radio Radio il sindaco Ignazio Marino, nel frattempo sembra aver risolto, almeno per il momento, gli attriti dei giorni scorsi con l'assessore al bilancio, Daniela Morgante. 

L'ennesimo screzio tra i due si è consumato proprio sull'emergenza maltempo. Lui che spinge per velocizzare lo stanziamento dei 10 milioni, lei che sostiene la necessità di un intervento più ampio e strutturale tramite fondi europei. 

Un botta e risposta dai toni stizziti avvenuto lunedì in giunta straordinaria e terminato con la Morgante che lascia l'aula, a suo dire perché aveva "altri impegni per Roma". Ora è tregua, vedremo fino a quanto. La priorità, ora, sono le zone devastate dalla piena.  

La speranza è che arrivino fondi anche dal governo centrale. "Domani - fa sapere sempre il primo cittadino - il Consiglio dei Ministri dovrà deliberare se dichiarare lo stato di calamità per Roma. Se lo farà, stanzierà anche dei fondi per i lavori strutturali per la città". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, danni per 243 milioni di euro: Ostia e Prima Porta le aree più colpite

RomaToday è in caricamento