Attentato a Berlino: "Concertone" e feste di Natale a rischio terrorismo, massima allerta

La direttiva diramata dal Ministero dell'Interno a prefetti e questori di tutta Italia. La Città Eterna sorvegliata speciale

Massima allerta nella Capitale dove in seguito all'attentato di Berlino cresce la paura per possibli attacchi terroristici. Dopo l'elaborazione del piano Natale Sicuro 2016, ed a poche ore dal terrore vissuto nella capitale della Germania, dove 12 persono sono state travolte ed uccise da un tir (con l'attentato rivedincato dall'Is) mentre si trovavano in un mercatino di Natale nel cuore della città tedesca, il Viminale ha deciso, in seguito ad un tavolo con il Comitato analisi strategica antiterrorsimo, di "rafforzare" i "controlli su obiettivi a rischio e luoghi affollati" con una direttiva del Ministro dell'Interno arrivata ai prefetti ed ai questori di tutta Italia, con particolare interesse per la culla del cristianesimo rappresentata dalla Città Eterna. 

LUOGHI AFFOLLATI - In particolare il Viminale ha deciso di "rafforzare i controlli nelle aree di maggiore afflusso di persone in occasione di eventi o cerimonie in programma sotto le feste di Natale, e nei luoghi che attirano molti visitatori. Lo chiede ai prefetti e ai questori italiani la direttiva diramata questa mattina (ieri ndr) su indicazione del ministro dell'Interno Marco Minniti dopo aver presieduto a Roma, al Viminale, il Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa), convocato dopo l'attentato avvenuto ieri (19 dicembre ndr) a Berlino".

PROFILI DI RISCHO - Come si legge ancora sul sito del Ministero dell'Interno: "Il Comitato, con la partecipazione dei vertici nazionali delle Forze di Polizia e dei servizi di Intelligence, ha deciso di innalzare la protezione sugli obiettivi più a rischio, potenziando le misure di vigilanza e sicurezza. L'organismo rimarrà riunito in seduta permanente, su richiesta del ministro. A livello territoriale, i prefetti convocheranno i comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica, per valutare eventuali profili di rischio".

CONCERTONE A RISCHIO - Una allerta terrorismo che riguarda da vicino i grandi eventi previsti per questo Natale 2016 nella Capitale, a partire dal "Concertone" di Capodanno, luogo sensibile a possibili attacchi. Naturalmente, come previsto dagli 11 punti del piano Natale Sicuro 2016 sorvegliati speciali continueranno ad essere le vie dello shopping, i centri commerciali, chiese, basiliche, ambasciate, ma anche bed & breakfast, strutture ricettive ed alberghi con particolare attenzione alle aree di interesse culturale meta di milioni di turisti come il Pantheon, Piazza Navona, Piazza Risorgimento, Fontana di Trevi, Piazza del Popolo, Piazza di Spagna, l’area del "Tridente". In particolare, nell’area del Colosseo, Fori imperiali anche di pattuglie che opereranno su auto elettriche, il cui impiego, per dimensioni e assenza di emissioni nocive, è più compatibile con la presenza di numeroso pubblico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento