rotate-mobile
Cronaca

Chi è Alessia Piperno, la "viaggiatrice solitaria" arrestata in Iran

Trent'anni, da sette in viaggio, è una travel blogger che racconta le sue esperienze e la sua scelta di vita tramite i social. Il 28 settembre è stata fermata dalla polizia a Teheran

“Viaggiatrice solitaria”. Si descrive così (e la descrive così anche il papà Alberto) Alessia Piperno, 30 anni appena compiuti, sul profilo Instagram aperto per raccontare proprio la sua scelta di vita, viaggiare zaino in spalla in giro per il mondo e conoscere e scoprire nuovi luoghi e nuove culture da raccontare sui social. Della trentenne romana non si hanno notizie dirette dal 2 ottobre: in Iran da luglio, è stata arrestata il 28 settembre dalla polizia iraniana per motivi ancora non meglio precisati e non è chiaro dove sia stata portata.

A denunciare l’accaduto è stato il padre di Alessia, che sui social ha riferito di avere ricevuto una telefonata disperata in cui la figlia spiegava di essere stata sottoposta a fermo di polizia durante i festeggiamenti per il suo compleanno organizzati a Teheran con alcuni amici. Le motivazioni alla base dell’arresto non sono chiare: non è escluso che Piperno rientri tra le 9 persone di nazionalità europea arrestate nel corso delle manifestazioni di protesta per la morte in carcere di Mahsa Amini, a sua volta arrestata dalla polizia per avere indossato in modo non corretto il velo, ma da parte delle autorità iraniane non è ancora arrivata alcuna spiegazione né dichiarazione ufficiale. Adesso è la Farnesina, insieme con l’Intelligence, ad avere preso in mano la situazione nel tentativo di aprire un canale di comunicazione, rintracciare Piperno e riportarla in Italia.

La trentenne romana è una travel blogger, specializzata cioè nel racconto digitale di viaggi che intraprende ormai da sette anni. La sua pagina Instagram, @travel.adventure.freedom, è seguita da quasi 40.000 persone e raccoglie attualmente quasi 600 post condivisi da ogni parte del mondo. Gli ultimi sono dedicati proprio all’Iran, dove Piperno è arrivata a luglio:  “Questi anni sono stati i più belli della mia vita, i più vissuti, dove ho imparato e disimparato così tanto, dove ho incontrato popoli e amici meravigliosi, e dove ho scoperto le vera bellezza del nostro pianeta - ha raccontato nel suo ultimo post, pubblicato il giorno del suo compleanno - Il mondo e la sua gente mi hanno regalato più di quanto potessi desiderare, giorno dopo giorno, anno dopo anno. Mi sento carica di una energia che non riesco più a contenere solo per me stessa, ma sento il bisogno di doverla condividere con qualcun altro. Per questo ho deciso di tornare in Pakistan”.

Proprio il Pakistan è il Paese da cui lo scorso aprile Piperno ha iniziato il suo nuovo viaggio, e da dove si è poi spostata per raggiungere l’Iran. Pochi giorni prima di essere arrestata aveva comunicato la decisione di tornarvi il prima possibile per collaborare alla ricostruzione di un villaggio distrutto dall’alluvione lo scorso agosto. Negli stessi giorni, in Iran andavano in scena le proteste per la morte di Amini e di Hadis Najafi, la ragazza diventata un simbolo della rivolta: “Ieri migliaia di persone si sono riunite nelle grandi piazze di tantissime città dell’Iran, per protestare, perché non si può morire a 22 anni per non aver indossato correttamente un hijab - scriveva Piperno il 20 settembre - Perché prima ancora di essere donne, siamo esseri umani. E non può morire il desiderio di sentirsi libere, libere di ballare, di cantare sotto le stelle, libere di correre con i capelli al vento, lanciando i veli al cielo”.

Nelle ultime ore sui profili social della trentenne romana stanno piovendo messaggi di supporto e vicinanza, a lei, ai genitori, al fratello e agli amici. L’obiettivo primario adesso è capire dove sia stata portata e avviare un dialogo con le autorità iraniane, che venerdì 30 settembre avevano confermato l’arresto di 9 cittadini provenienti da Germania, Polonia, Italia, Francia, Olanda e Svezia bloccati durante le proteste per la morte di Amini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è Alessia Piperno, la "viaggiatrice solitaria" arrestata in Iran

RomaToday è in caricamento