Albero crollato su un'auto a piazza Venezia, il Comune accusa: "Colpa dei lavori di 10 anni fa"

Il Campidoglio: "Il pino caduto non mostrava segni di malattia"

L'auto colpita dall'albero a piazza San Marco

Colpa dei lavori di dieci anni fa, il pino caduto non mostrava segni di malattia. Questo in sostanza quanto affermano dal Comune in relazione all'albero che lo scorso 27 luglio è crollato su un'auto in transito a piazza Venezia, a due passi dal Vittoriano e dal Campidoglio, con una automobilista sotto choc poi costretta alle cure dell'ospedale. 
 
Come scrivono dal Campidoglio, dai rilievi effettuati dai tecnici del Dipartimento Tutela Ambientale conclusi martedì pomeriggio, risulta che il pino caduto lunedì a piazza Venezia era interrato per circa 70 centimetri. Una situazione prodotta dai lavori di rifacimento dell’aiuola avvenuti, a quanto riferito dagli uffici del Dipartimento Tutela Ambientale, circa 10 anni fa. Ciò ha provocato il deterioramento della parte interrata del tronco e lo sviluppo di un fungo che ha quasi completamente distrutto le radici.

Nulla di visibile all’esterno: il pino non mostrava alcun segno di malattia che lasciasse ipotizzare la necessità di ulteriori esami diagnostici e, del resto, anche la scheda dell’albero compilata durante il monitoraggio non evidenziava criticità.

Mercoledì, i tecnici dipartimentali hanno anche effettuato verifiche strumentali sugli altri pini presenti in piazza Venezia, effettuando ispezioni attorno ai tronchi per accertare se fossero anch’essi interrati. Non sono state riscontrate problematiche al riguardo.

 “Desidero esprimere tutta la mia vicinanza alla signora rimasta coinvolta nell’incidente. Voglio assicurare che stiamo lavorando con grande scrupolo per evitare che simili eventi possano ripetersi. L’impegno sulla sicurezza è la nostra priorità ed il lavoro sulle 80mila alberature verificate dall’ultimo monitoraggio è un aspetto fondamentale del percorso di riqualificazione del verde urbano che stiamo attuando” spiega l’Assessora alle Politiche del Verde Laura Fiorini.

Riguardo agli esiti del monitoraggio le operazioni di messa in sicurezza hanno interessato prioritariamente le situazioni più urgenti indicate dai tecnici mentre dal luglio 2019, abbiamo avviato una seconda fase con interventi programmati per le situazioni non urgenti.

Inoltre, a seguito del Protocollo d’intesa con Dipartimento Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Protezione Civile della Regione Lazio stiamo concludendo il monitoraggio delle alberature presenti nei plessi scolastici segnalati dai municipi. A seguire, la valutazione tecnica riguarderà le alberature stradali di seconda grandezza.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’efficacia della nostra azione è dimostrata dalla netta diminuzione dei casi che passano dai 178 del 2018 ai 15 del primo semestre di quest’anno con una riduzione dell’85%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento