rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Labaro / Via del Labaro

La tragedia di Roma Nord: uccide la madre e poi si spara con il fucile

Sul corpo di Paolo Alessandri e Agnese Oliva trovate ferite di colpi d'arma lunga

Omicidio-suicidio. È questa l'ipotesi più accreditata in relazione alla morte di madre e figlio, trovati privi di vita nell’appartamento dove vivevano a Roma Nord. Sui corpi di Agnese Oliva e Paolo Alesssandri sono infatti state trovate ferite d'arma da fuoco, accanto ai due corpi un fucile, arma utilizzata per compiere l'estremo doppio gesto. 

E' stato un condomino a chiamare il 112 intorno alle 10:30 di mercoledì 29 marzo per la segnalazione di cattivo odore proveniente da un'abitazione della palazzina dove vive in via del Labaro, nell'omonimo quartiere del XV municipio Cassia. Una volta sul posto le volanti e gli agenti del commissariato Flaminio di polizia sono riusciti a entrare nell'appartamento. Una volta all'interno il macabro rinvenimento: l'anziana madre di 94 anni priva di vita sul letto della camera da netto. Accanto a lei, in terra, vicino a un fucile, il corpo esanime del figlio di 61 anni.

Con l'abitazione chiusa dall'interno, senza segni di effrazione alle porte o alle finestre, sui corpi di Agnese Oliva e Paolo Alessandri ferite da colpi d'arma lunga. Dunque un omicidio-suicidio con il figlio che dopo aver ucciso la madre si sarebbe a sua volta tolto la vita. Entrambi i corpi erano in avanzato stato di decomposizione. Sul posto oltre agli investigatori della squadra mobile della questura anche la polizia scientifica. 

I pubblici ministeri della procura di Roma conferiranno nelle prossime ore l’incarico per eseguire le autopsie. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tragedia di Roma Nord: uccide la madre e poi si spara con il fucile

RomaToday è in caricamento