rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Spari a Roma

Il giallo dell'agguato a colpi di pistola al Trullo

Indagano sul caso i poliziotti del commissariato San Paolo e della scientifica che hanno recuperato quattro bossoli

Al Trullo si torna a sparare. Per la seconda volta in poco più di 40 giorni, le pistole fumano ancora. Questa volta sono stati 4 i colpi esplosi contro un uomo, un 30enne già conosciuto alle forze dell'ordine. La vittima, illesa, è stata ascoltata dagli inquirenti che indagano e che provano a far luce sul fatto, senza escludere una correlazione con un altro agguato avvenuto nel quartiere quando via Montelupo Fiorentino, il 25 novembre scorso, un uomo fu gambizzato in strada

L'ultimo attentato, questa volta andato fortunatamente a vuoto, è andato in scena nel pomeriggio di mercoledì 5 gennaio. Intorno alle 16, si sono uditi diversi colpi di pistola ai piedi dei palazzi in via delle Vigne, una delle direttrici del Trullo. L'ipotesi al momento al vaglio, è che si tratti di un regolamento di conti nel mondo dello spaccio di droga. Ma chi indaga vuole vederci chiaro e lo fa senza escludere altre piste.

Gli agenti del commissariato San Paolo e gli uomini della polizia scientifica, sul luogo della sparatoria hanno recuperato quattro bossoli. Stando ad una prima ricostruzione, una persona a bordo di uno scooter nero, forse accompagnata da un complice, sarebbe passata davanti a un portone per poi sparare almeno quattro colpi, sotto casa di un pregiudicato della zona.

Un uomo con precedenti per droga che, per sfuggire all'agguato, si è rifugiato in un palazzo vicino. I quattro proiettili si sono così conficcati su un'auto parcheggiata al civico 80 di via della Vigne, con il proprietario della vettura estraneo alla vicenda. Un fatto certo, questo, secondo gli inquirenti. Anche perché la presunta vittima di quell'attentato non andato a termine, è ascoltata dagli investigatori. Non avrebbe fornito per ora indicazioni utili alle indagini, ma i poliziotti avrebbero già un'idea sul movente. 

Chi ha sparato si è poi allontanato prima dell'arrivo degli investigatori. Non si esclude che il 30enne possa essere rimasto vittima di un regolamento di conti, forse nell'ambito della malavita di zona. Sono state acquisite immagini di alcune telecamere del quartiere per ricostruire qualche movimento utile. Due giorni fa, a Colle degli Abeti, un altro agguato: un uomo gambizzato in casa. A Roma è già la seconda volta che si spara nei primi 5 giorni del 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo dell'agguato a colpi di pistola al Trullo

RomaToday è in caricamento