Civitavecchia: detenuto aggredisce quattro agenti in carcere in meno di 24 ore

L'uomo aveva già picchiato un altro poliziotto penitenziario nella giornata di ieri. Il Sappe: "Aggressione tanto improvvisa quanto vile"

Il segretario del Sappe Donato Capece

Ancora violenza nel carcere di Civitavecchia, ancora un'unità di Polizia Penitenziaria aggredita, ancora lo stesso detenuto georgiano protagonista. La denuncia arriva dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. "Quella di oggi a Civitavecchia stata un’aggressione tanto improvvisa quanto vile", sottolinea il segretario generale Donato Capece, che esprime la solidarietà e la vicinanza del Sindacato del Corpo ai 'baschi blu' aggrediti.

QUATTRO AGENTI NEL MIRINO - Stessa scena si era infatti verificata poco dopo le 10.00 di ieri nella stessa struttura penitenziara e sempre da parte dello stesso detenuto: "Ed è tanto più grave che chi si è reso responsabile di tale atto violento sia stato responsabile, non meno di 24 ore fa, di un’altra grave aggressione a un poliziotto, sempre nel carcere di Civitavecchia".

PRECISE RESPONSABILITA' - Segretario del Sappe che punta il dito: "E’ evidente che ci sono precise responsabilità di chi gestisce l’Istituto a titolo temporaneo se in poco più di 24 ore 4 poliziotti penitenziari vengono aggrediti dallo stesso detenuto nello stesso carcere. Ci vuole una immediata ispezione dell’Amministrazione penitenziaria che accerti cosa è successo e perché e cosa si aspetta a dare un direttore titolare alla Casa Circondariale”.

DATI DALLE CARCERI - "Nei 206 istituti penitenziari - aggiunge Capece - nel primo semestre del 2014 si sono registrati 3.633 atti di autolesionismo, 481 tentati suicidi, 1.609 colluttazioni e 444 ferimenti. E il numero delle aggressioni ai Baschi Azzurri, che prestano servizio nelle sezioni detentive e in carcere assolutamente disarmati e senza alcuna forma di difesa personale, è nell’ordine delle diverse centinaia all’anno. I gravi fatti accaduti negli giorni proprio a Civitavecchiaa lo confermano drammaticamente”.

RICHIESTA AL MINISTRO ORLANDO - Da qui la richiesta del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria al Guardasigilli Orlando: “Sono anni che sollecitiamo di dotare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria di strumenti di tutela efficaci, come può essere proprio lo spray anti aggressione recentemente assegnato – in fase sperimentale – a Polizia di Stato e Carabinieri. Mi auguro che il Ministro della Giustizia Andrea Orlando valuti positivamente questa nostra proposta e, quindi, assuma i provvedimenti conseguenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento