Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Aggressione rottweiler, Codacons: "Ripristino elenco razze pericolose"

"Ma è evidente che chi possiede un pitbull o un rottweiler deve dimostrare di essere capace di addestrarlo prima di averlo"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Questa ennesima aggressione avvenuta a Roma dimostra che non è affatto vero che tutti i cani sono ugualmente pericolosi. Non è la prima volta che uomini addestrati delle forze dell'ordine sono costretti addirittura a sparare a pitbull o rottweiler per poter salvare persone dalla loro aggressione. Per un cocker sarebbe bastata una pedata".

Lo afferma, in una nota, il Codacons che chiede "il ripristino dell'elenco delle 17 razze ritenute potenzialmente più pericolose, elenco voluto dall'allora ministro Sirchia e irresponsabilmente eliminato dal Sottosegretario alla Salute Francesca Martini". L'associazione chiede anche "il patentino obbligatorio per chi possiede una di queste 17 razze, dal pitbull al rottweiler. L'aver eliminato la lista ha inoltre determinato la fine di tutti gli obblighi collegati, da quello di condurre i cani inseriti nell'elenco sia con il guinzaglio sia con la museruola a quello di stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi. Attualmente il patentino è obbligatorio solo ex post, ossia dopo che il cane ha già dimostrato al veterinario di essere aggressivo e pericoloso, ossia dopo che ha morsicato e ridotto in fin di vita qualcuno. Ma è evidente che chi possiede un pitbull o un rottweiler - conclude il Codacons - deve dimostrare di essere capace di addestrarlo prima di averlo e non dopo che il cane ha già aggredito".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione rottweiler, Codacons: "Ripristino elenco razze pericolose"

RomaToday è in caricamento