Gli mostra il dito medio dall'auto, poi rincorre il figlio col machete: panico a Morena

E' accaduto in pieno giorno. La famiglia con a bordo le tre vittime minacciata con le armi una volta arrivata sotto casa. Arrestato l'aggressore. La madre: "Spero venga condannato con una pena esemplare"

Le armi sequestrate al 25enne Ghanese

"Sembrava di essere in un film dell'orrore". E' ancora scioccata una donna residente a Morena mentre ricorda quanto accaduto nel primo pomeriggio di ieri a lei e alla sua famiglia di ritorno nella loro casa. Una storia surreale con la 51enne, il marito 50enne ed il figlio di 27 anni in balia di un cittadino ghanese di 25 anni armato prima di sega e poi di martello e machete.

PRIVACY - Contattata da RomaToday la donna, ancora scossa, non ha timore di fare il proprio nome, ma per una scelta editoriale si è deciso di non usare né il suo né quello dei familiari, ed al contempo non indicare le vie del quartiere del VII Municipio in cui è avvenuta l'aggressione.

DI RITORNO A CASA - I fatti si sono verificati intorno alle 14.30 di sabato 6 settembre nella zona di Morena, quando madre, padre e figlio tornavano a bordo della loro automobile a casa. Mentre percorreva la strada la Peugeot di questi ultimi si è trovata davanti una Mercedes, con a bordo un uomo che zigzagava pericolosamente sulla carreggiata. Manovre pericolose segnalate con i fari lampeggianti dal marito 50enne della donna che, come tutta risposta, si è visto mostrare il 'dito medio', con improperi ed insulti non udibili dall'abitacolo rivolti a lui e ad i suoi familiari. 

IN AUTO - La Mercedes guidata dal 25enne ghanese ha poi proseguito la sua corsa svoltando nella stradina dove abitano i passeggeri dell'auto francese che nel frattempo la seguivano. Arrivati davanti al garage dell'abitazione dell'auto con la famiglia, questa è stata affiancata dalla Mercedes. Poi il caos con il 25enne africano che ha impugnato una sega che teneva nell'auto per poi scendere e minacciare marito, moglie e figlio 27enne. 

INSULTI - Sceso dalla Mercedes l'aggressore ha cominciato ad insultare il padre di famiglia, anche lui sceso per difendere la propria famiglia, senza fortunatamente tentare di colpirlo con la sega ma brandendogli l'attrezzo di lavoro incontro e gridando: "Bast…, pezzo di m…, figlio di p…, mign…, vi ammazzo tutti, ve ne dovete andare perché è casa mia". Poi la calma con il giovane del Ghana ad entrare in una palazzina poco distante dal luogo dell'aggressione. 

MACHETE E MARTELLO - Una quiete 'prima' della tempesta, preludio a qualcosa di ben più pericoloso con il 25enne che dopo pochi minuti è ripiombato in strada ma armato di una sega di medie dimensioni e di un machete. 

FIGLIO INSEGUITO CON LE ARMI - Una vera e propria furia quella del cittadino africano, che dopo essere arrivato in strada ha 'puntato' il figlio 27enne costringendolo a fuggire per evitare una tragedia. "Scene di panico - ricorda la madre del giovane -. Chiedevo aiuto mentre parlavo con la polizia al cellulare, poi per fortuna un conoscente si è affacciato al balcone e gli ha aperto il cancello evitando il peggio".

VERSO LA COPPIA - Persa la sua 'preda', il giovane, armato e colto da raptus di follia, è tornato minacciosamente verso la moglie ed il marito che, visto il figlio in salvo, per evitare possibili gravi conseguenze hanno pensato bene di salire in auto e fuggire dal folle aggressore. 

AUTO DANNEGGIATA - Una scelta saggia, visto quanto perpetrato poi dall'uomo 'disturbato sotto casa', che si è avventato contro la Peugeot con a bordo marito e moglie dannieggiandola ad una fiancata e mandando in frantumi il vetro anteriore destro della vettura, prima che questa riuscisse a guadagnarsi la fuga. 

ARRIVO DELLA POLIZIA - Attimi di panico che si sono svolti molto rapidamente, poi l'arrivo delle volanti della polizia che hanno raggiunto l'aggressore sottoponendolo a fermo di polizia giudiziaria con le accuse di danneggiamento aggravato e porto abusivo di armi. Domani mattina sarà processato per direttissima. 

DENUNCIA IN COMMISSARIATO - L'aggressione è stata denunciata agli agenti del Commissariato di Polizia Romanina, diretti dal dottor Sonnino, dove il padre 50enne ha dichiarato che sia lui, che il figlio che la moglie sono rimasti scossi per quanto subito, venendo per questo soccorsi e trasportati all'ospedale di Frascati dper le cure del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"VOGLIAMO GIUSTIZIA" - Una scena da film, dunque, con la moglie e madre che scossa e spaventata conclude: "Assurdo essere aggrediti in questo modo e con tale violenza sotto casa. Non ci posso credere che quell'uomo abita a 600 metri da casa nostra, non lo avevo mai visto. Deve essere punito, domani (lunedì 8 settembre ndr) ci sarà il processo per direttissima. Spero sia condannato in modo esemplare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento