Cronaca Selva Candida / Largo Ines Bedeschi

"Che vi guardate", poi le botte: tre giovani picchiati davanti un bar a Selva Candida

Denunciato uno dei tre aggressori, trovato ubriaco a bordo di uno scooter. Una delle vittime trasportata all'ospedale San Filippo Neri

Largo Ines Badeschi (foto google)

Uno sguardo di troppo, una parola fraintesa e poi le botte, favorite anche dall'ubriachezza molesta degli aggressori. Serata di violenza nella zona di Villaggio San Giuseppe a Selva Candida, dove un gruppo di adolescenti è stato picchiato a calci e pugni da una comitiva di cittadini albanesi. I fatti intorno alle 22:00 di domenica 4 aprile in largo Ines Bedeschi, fuori da un bar, quando i tre ragazzini sono stati presi di mira dal gruppo di stranieri. Motivo del contendere, l'idea che i tre giovani stessero parlando male di loro facendosi beffa degli stessi. 

L'AGGRESSIONE - Dalle parole si è poi passati ai fatti con l'aggressione a calci e pugni nei confronti dei tre adolescenti, due neo maggiorenni ed un 17enne. Picchiati e lasciati in terra i tre giovani, gli aggressori si sono poi dileguati per le vie di Selva Nera. Ad avere la peggio uno dei ragazzi, trasportato in ambulanza all'ospedale San Filippo Neri con delle lievi ferite. Poi l'allerta alle forze dell'ordine con l'arrivo sul posto degli agenti del Reparto Volanti e dei poliziotti del commissariato Primavalle.

IN SCOOTER SENZA CASCO - Raccolte le testimonianze dei presenti i poliziotti si sono messi alla caccia dei fuggiaschi. Intorno all'1:00 gli agenti hanno quindi fermato uno degli aggressori, trovandolo a bordo di uno scooter che lo stesso stava conducendo senza casco. Sottoposto ad alcol test il cittadino albanese è risultato positivo. Accompagnato negli uffici del commissariato di Primavalle è stato quindi riconosciuto come uno degli aggressori e denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza e lesioni. Gli aggrediti hanno sporto denuncia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Che vi guardate", poi le botte: tre giovani picchiati davanti un bar a Selva Candida

RomaToday è in caricamento