Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Castel Gandolfo

Ambulante vende borse contraffatte sul lungolago, poi minaccia i carabinieri con un cacciavite

L'aggressione ai militari per sottrarsi al controllo. In manette un 57enne

Vendeva borse contraffatte sul lungolago di Castel Gandolfo. Sorpreso dai carabinieri li ha minacciai con un cacciavite e li ha aggrediti. Succede ai Castelli Romani dove i carabinieri della compagnia di Castel Gandolfo impegnati in un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale lungo le sponde del Lago Albano, hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un cittadino senegalese di 57anni, regolare sul territorio nazionale, già con precedenti, contestualmente denunciandolo per ricettazione e reati in materia di contraffazione.

I carabinieri della locale stazione hanno individuato l’uomo intento a mostrare diversi accessori in pelle su un telo, pronti per la vendita. Alla vista dei militari, è fuggito, ma quando è stato raggiunto dai carabinieri, li ha minacciati con un cacciavite e strattonati, ma è stato comunque disarmato e arrestato.

La perquisizione, ha permesso ai militari di rinvenire una chiave di un’auto station wagon, parcheggiata poco distante, al cui interno venivano rinvenuti e sequestrati oltre 100 accessori in pelle (borse, borselli, borsoni), delle più famose e richieste griffe italiane e francesi, completi di etichettature, sequestrati e sottratti al circuito commerciale che, commercializzati, avrebbero generato un introito di circa 10.000 euro.

Ambulante borse contraffatte 1

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulante vende borse contraffatte sul lungolago, poi minaccia i carabinieri con un cacciavite
RomaToday è in caricamento