menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

A bordo del bus Atac senza mascherine, picchiato l’autista che li riprende

L’aggressione a bordo di un mezzo pubblico in transito nella zona del Quartiere Africano

Ubriachi con in mano le bottiglie di birra e senza mascherine nonostante siano obbligatorie a bordo dei mezzi pubblici. Ripresi dall’autista hanno prima danneggiato il bus e poi si sono scagliati con calci e pugni contro il dipendente Atac mandandolo all’ospedale con contusioni multiple. A vedersela brutta il conducente della linea 88 a finire in manette tre giovani sudamericani.

L’aggressione si è consumata poco prima delle 23:00 di venerdì sera dopo che i tre, cittadini dell’Ecuador di 22, 22 e 23 anni, sono saliti a bordo del bus ad una fermata di viale Libia ubriachi e senza mascherine. Particolarmente molesti l’autista Atac li ha invitati a mettersi la mascherina o a scendere dal bus. Per contro i tre hanno cominciato a danneggiare la vettura lanciando oggetti all’interno della stessa. 

Poi, non contenti, hanno aggredito l’autista con calci e pugni. Ad allertare le forze dell’ordine un collega della vittima che ha visto i tre aggredirlo. Arrivati sul posto gli agenti dei commissariati Villa Glori, Castro Pretorio, Trevi e Fidene, i tre hanno aggredito anche i poliziotti per poi essere bloccati non senza difficoltà.

Affidato alle cure dell’ambulanza del 118 l’autista è stato refertato in ospedale con 19 giorni di prognosi. Arrestati i tre ragazzi con le accuse di danneggiamento aggravato, aggressione, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento