Cronaca

Casal Bruciato: agenti si fingono condomini ed incastrano due giovani pusher

In manette due ragazzi di 21 e 19 anni

foto d'archivio

Hanno finto di essere dei condomini. Così la polizia ha arrestato due giovani pusher. La scoperta durante un servizio mirato alla lotta contro lo spaccio di sostanze stupefacenti dopo che gli agenti in borghese del commissariato Sant’Ippolito hanno visto due giovani aggirarsi in maniera sospetta per le vie del quartiere Casal Bruciato ed hanno deciso di tenerli d’occhio.

Quando i ragazzi sono entrati in un portone i poliziotti, fingendosi condomini di quel palazzo, sono entrati con loro e li hanno visti avvicinarsi a 2 loro coetanei. Dopo aver parlottato per qualche minuto, gli acquirenti hanno tirato fuori i soldi ed i 2 pusher le dosi di hashish.

Immediatamente i 3 investigatori si sono qualificati ed hanno bloccato i 4 che avevano cercato di fuggire: F.Z e M.N., rispettivamente di 21 e 19 anni, che addosso avevano altre dosi di Hashish e denaro provento dell’illecita attività, sono stati arrestati per detenzione, in concorso, di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio mentre gli acquirenti sono stati sanzionati amministrativamente.

Il 21enne è stato condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione e a 2000,00 euro di multa mentre il 19enne a 6 mesi di reclusione.

Gli agenti invece della Polizia Amministrativa dello stesso commissariato, diretto da Roberto Cioppa, hanno dato esecuzione al provvedimento del Questore con il quale veniva disposta la chiusura di un’attività abusiva di affittacamere, gestita da una donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casal Bruciato: agenti si fingono condomini ed incastrano due giovani pusher

RomaToday è in caricamento