Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Scalo de Pinedo, Inghiottita dal Tevere la sede storica di Marevivo

La sede dell'associazione ambientalista che difende il mare è affondata lo scorso 24 agosto. Sono andati persi i ricordi di 25 anni di storia. Il direttore Di Penta: "Abbiamo bisogno d'aiuto per rimettere a galla il barcone"

La sede dell'associazione ambientalista Marevivo lo scorso 24 agosto é stata inghiottita dal Tevere. A renderlo noto la stessa associazione. Il barcone era ormeggiato allo Scalo de Pinedo. Sul posto sono intervenuti gli attivisti e gli stati maggiori dell'associazione che insieme ad esperti per il recupero di relitti hanno cercato di salvare, per quanto possibile gli oggetti, i mobili e quant'altro galleggiasse sulle acque del Tevere.

I soccorritori hanno estratto una montagna di attrezzature, carte, video, foto, libri e giornali, memoria storica di 25 anni, inzuppati di fango, ormai inutilizzabili. "Si è tentato di recuperare i ricordi salienti facendoli asciugare al sole, purtroppo con scarsi risultati e la delusione e lo sconforto di vedere la sede ridotta ad un relitto grondante di acqua maleodorante", dichiara l'associazione.

Affondato il barcone di Marevivo

Non ci sono foto disponibili.



"Siamo arrivati subito appena siamo stati avvisati dai vigili del fuoco - ha riferito il direttore generale di Marevivo, Carmen di Penta - tutta la nostra vita era lì dentro". "Il barcone è sceso di un metro e mezzo e abbiamo chiamato una squadra subacquea specializzata. Ora abbiamo svuotato tutto ma abbiamo tutta l'intenzione di rimetterlo a galla. Per questo però abbiamo bisogno di aiuto da parte di attivisti e cittadini, anche una donazione di euro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scalo de Pinedo, Inghiottita dal Tevere la sede storica di Marevivo

RomaToday è in caricamento