Rugbista accoltellato fuori la discoteca: identificato branco che pestò Eugenio Tiraboschi

L'aggressione avvenne fuori il Country di Anguillara Sabazia. Dopo aver denunciato il 21enne autore dell'accoltellamento i carabinieri hanno chiuso il cerchio sulla vicenda

Un ‘branco’ composto da sette giovani romani. Questo il numero di ragazzi che aggredì fuori da una discoteca all'alba dello scorso 25 settembre Eugenio Tiraboschi, giovane promessa della Roma Urbe Rugby Football Club. Delle violenze che sfociarono poi in un accoltellamento quando uno del gruppo, un 21enne, tirò fuori un coltello sferrando due fendenti al rugbista 20enne, ferendolo al fianco sinistro ed al petto. Lasciato in terra in una pozza di sangue la vittima venne soccorsa dagli amici con il quale era andato a ballare alla discoteca Country di Anguillara Sabazia, con gli stessi che lo trasportarono repentinamente all'ospedale Villa San Pietro salvandogli la vita. Operato d'urgenza al Policlinico Gemelli la vittima ora sta meglio.  

IL BRANCO - Denunciato l’accaduto ai carabinieri della Compagnia di Bracciano i militari, dopo aver trovato e denunciato per tentato omicidio l’autore dell’accoltellamento, un 21enne nella cui casa i militari trovarono una vera e propria armeria, sequestrando 42 coltelli, 4 maceti ed un tirapugni, hanno compitamente identificato e denunciato altri sei ragazzi per il reato di “lesioni in concorso”, che accerchiarono ed aggredirono Eugenio Trabocchi, che venne poi accoltellato dall’amico. Poi la fuga e l’inizio delle indagini da parte dei militari della compagnia lacustre. 

I FATTI - Una indagine vecchia maniera quella dei carabinieri coordinati dal capitano Alessandro Papuli, conclusa dopo aver ricostruito l’esatta dinamica dei fatti. Un’alba violenta che aveva cominciato a prendere corpo nella discoteca di via della Mainella, completamente estranea ai fatti, dove comunque non si verificarono aggressioni o contatti fisici. Finita la serata il rugbista romano ha trovato ad attenderlo nel piazzale del Country di Anguillara il gruppo composto dai sette amici romani. Da qui la prima aggressione, sfociata poi nell’accoltellamento di Eugenio Tiraboschi.

FUTILI MOTIVI - Ricostruita la dinamica dei fatti restano ancora dubbi sul motivo scatenante dell’aggressione. I tanti testimoni ascoltati dai carabinieri non hanno infatti saputo indicare un particolare episodio che abbia acceso la miccia. Secondo quanto ricostruito Eugenio Tiraboschi ed il 21enne (che la vittima conosceva di vista per aver frequentato con lui una palestra a Roma), avrebbero avuto un diverbio nella discoteca per futili motivi. All'uscita dal locale il 21enne ha poi aggredito il rugbista romano ferendolo con due fendenti, uno al fianco sinistro e l'altro al petto destro.

DENUNCIATI - Chiusa l’indagine i sei aggressori, di età compresa tra i 19 ed i 25 anni, sono stati denunciati per “lesioni in concorso”. Il 21enne che accoltellò Eugenio Tiraboschi è stato invece denunciato già a suo tempo per “tentato omicidio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento