menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accoltella i suoi affittuari e chiama i carabinieri: un 20enne in pericolo di vita

I carabinieri accorsi sul posto hanno rinvenuto e sequestrato il coltello da cucina. L'aggressore è accusato di tentato omicidio

Li ha colti di sorpresa, questa mattina. Dopo un breve discussione ha stretto il coltello da cucina che aveva in mano e ha colpito ferendo i suoi affittuari: un uomo di 42 anni e il figlio di 20, quest'ultimo in pericolo di vita e ricoverato all'ospedale Gemelli di Roma.

E' quanto successo intorno alle 8 di mattina di martedì 6 agosto in via Caselette, a Tragliatella Campitello, una frazione a circa 25 dalla Capitale. A dare l'allarme proprio l'aggressore, un 50enne romano, che ha chiamato il Numero Unico per le Emergenze raccontando quanto successo: "Li ho appena accoltellati, correte". Sul posto i carabinieri della stazione Cassia, per le indagini, e tre ambulanze che hanno trasportato i feriti in ospedale.

I fatti. La storia, secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma, nasce da lontano quando il 50enne si era rivolto ai due, in affitto con regolare contratto nella sua abitazione, chiedendo loro un aiuto. 

In sostanza l'uomo, che soffre di disturbi legati al sonno, ha chiesto di essere ospitato in un luogo tranquillo. E così è stato. La convivenza, durata qualche giorno, però non ha funzionato. Il 50enne, secondo quanto raccontato dai testimoni all'Arma, era diventato "irascibile" e "poco tollerante" e così, dopo una banale discussione, è scattata l'aggressione. 

I tre hanno lottato ma il 50enne armato, che pure ha riportato lievi ferite alla gamba sinistra, ha avuto la meglio. Il 42enne è stato ferito con fendenti al torace, alla gamba sinistra e alla testa. Il figlio ha subito colpi profondi al torace e alla testa. E proprio le sue condizioni sono quelle più gravi. 

Il ventenne è stato portato in codice rosso al Gemelli dove lotta tra la vita e la morte. Il padre è all'ospedale Sant'Andrea. L'aggressore, invece, è stato portato al San Filippo Neri dove sarà medicato. Una volta dimesso sarà trasferito al carcere di Regina Coeli con l'accusa di tentato omicidio. Il coltello da cucina usato durante l'agguato è stato sequestrato dai carabinieri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento