Cronaca

Sui rifiuti attacca l'Idv: "Altro che primo maggio, il problema è strutturale"

Il gruppo Idv consegnerà al sindaco Alemanno un dvd con 5000 foto, scattate dal coordinatore del XX Municipio, e fotografo, Giacomo Nicita, a testimonianza dell'emergenza rifiuti che ha colpito la capitale

"Roma come Napoli", oltre a un impressione diffusa di chiunque sia passato negli scorsi giorni intorno ai punti di raccolta dei rifiuti della capitale, è il titolo di una rassegna fotografica che raccoglie ben 5000 foto scattata dal gruppo Idv romano a testimonianza della sporcizia che ha invaso la città. Le fotografie, raccolte in un dvd, saranno inviate al sindaco Alemanno ed esposte nelle sedi del partito per denunciare un problema che, secondo quanto dichiarato dal segretario regionale Idv Lazio Vincenzo Maruccio, "non è legato a un accidente del momento ma è un problema strutturale".

Se infatti "è bastata la chiusura di Rocca Cencia perchè il quadrante est venisse invaso da mille tonnellate di rifiuti al giorno" la questione è più profonda di quanto si pensi, ha sottolineato più volte Maruccio in occasione della conferenza stampa sull'emergenza rifiuti, ed è legata alla "mancanza di risposte chiare in merito alla raccolta differenziata e al solo interesse sulle questioni di management che riguardano i vertici dell'Ama". 

Per Giacomo Nicita,  coordinatore del XX Municipio e autore degli scatti all'immondizia,è un problema che sta diventando culturale: "Roma si sta abituando - ha detto - a essere senza regole. Ho visto persino un cieco che non riusciva ad attraversare la strada perché c'era una macchina dei vigili in seconda fila". Come si esce dunque dall'emergenza rifiuti? "Rilanciando la raccolta differenziata - ha concluso Maruccio - e indicando finalmente una rosa di siti alternativi per Malagrotta, sui quali non ci sottrarremo ai nostri doveri ed esprimeremo un parere costruttivo. Roma non merita questo, sono i cittadini a chiederlo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sui rifiuti attacca l'Idv: "Altro che primo maggio, il problema è strutturale"

RomaToday è in caricamento