Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Tivoli

I giovani che fanno acquisti con cinquanta euro false

Nei guai due ragazzi di 25 e 18 anni, gravemente indiziati del reato di spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate

Compravano oggetti di poco valore con banconote da cinquanta euro falso. Così, di fatto, si impossessavano del resto che diventava guadagno utile. A finire nei guai lo scorso otto agosto sono stati due giovani di 25  e 18 anni, bloccati dai carabinieri perché gravemente indiziati del reato di "spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate".

I due sono stati notati mentre si aggiravano per le vie di Castel Madama, a Tivoli, a bordo di una macchina a noleggio, con atteggiamento sospetto, da alcuni cittadini che hanno contattato la locale stazione carabinieri.

I militari, arrivati sul posto hanno fermato il 25enne, in possesso di quattro banconote da 50 euro, risultate contraffatte. Rapide ricerche hanno consentito poi di individuare il secondo ragazzo che si stava allontanando a piedi, trovato anche lui in possesso di cinque banconote da 50 euro risultata false.

Gli accertamenti hanno permesso di risalire a un esercizio commerciale dove poco prima i due avevano fatto un acquisto di tre euro pgando con un'altra banconota di 50 euro, risultata anche questa contraffatta.

Il tribunale di Tivoli, chiamato a pronunciarsi sulla vicenda, ha convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare dell'obbligo di dimora per il 25enne, mentre le banconote sono state sequestrate per essere successivamente inviate presso la Banca d'Italia per ulteriori accertamenti tecnici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani che fanno acquisti con cinquanta euro false
RomaToday è in caricamento