menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La marijuana sequestrata dalla polizia a Prato Fiorito

La marijuana sequestrata dalla polizia a Prato Fiorito

Un sistema di videosorveglianza ed un fucile a canne mozze a 'difesa' di 40 chili di marijuana

La scoperta da parte della polizia in un'abitazione di Prato Fiorito, nella periferia est della Capitale

Un sistema di videosorveglianza ed un fucile a canne mozze a difesa di 40 chili di marijuana. Siamo in viale Prato Fiorito, periferia est della Capitale, dove nel pomeriggio di lunedì, al termine di un’indagine, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Celio, diretto da Maria Sironi, sono riusciti ad individuare un appartamento nell'omonimo quartiere residenziale fra la Borghesiana e Ponte di Nona, dove alcuni cittadini albanesi si stavano dedicando allo stoccaggio di un ingente quantitativo di marijuana.

I poliziotti, dopo svariati accertamenti hanno deciso di appostarsi nei pressi dell’abitazione oggetto di indagine. Lì hanno potuto notare la presenza di un uomo, che con fare sospetto si aggirava nei pressi del portone dell’immobile attenzionato, dotato di un sofisticato sistema di videosorveglianza.

In sinergia tra loro, gli investigatori, con un escamotage sono riusciti ad avvicinarsi all’appartamento in tempi rapidi per non creare sospetto. Lì hanno bloccato prima uno degli occupanti che si accingeva ad uscire di casa e poi, all’interno, anche il complice.  

Fucile Borghesiana-2

Sul pavimento è stata rinvenuta la presenza di una notevole quantità di stupefacente del tipo marijuana ed alcuni grossi involucri contenenti la medesima sostanza per un peso complessivo pari a 40 chili.

Perquisita l’abitazione, è stato sequestrato anche materiale per il confezionamento delle dosi, 3 bilance digitali ed un fucile a canne mozze rinvenuto smontato.

Per i due albanesi di 53 e 24 anni, che dichiaravano agli investigatori trattarsi di marijuana legale, è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria. Le immediate analisi effettuate presso il consulente chimico infatti, hanno riscontrato la presenza di un THC (principio attivo) ben oltre il limite consentito per la “canapa light”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento