Papi Santi: i giornali gonfiano i numeri e i turisti cancellano la vacanza

Spaventati dal possibile caos apportato dai 7 milioni di turisti previsti, in più di quattromila hanno cancellato la loro prenotazione

Più di 4 milioni di turisti hanno cancellato la loro prenotazione di viaggio nella Capitale per il weekend della canonizzazione dei due Papi Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII per "paura di rimanere imbottigliati nel traffico o essere vittime di disservizi o caos della città". Si legge infatti nella nota di Assohotel: "Nei giorni scorsi i media hanno riportato cifre da capogiro come: 7 milioni di persone a Roma per la canonizzazione che poi nei giorni seguenti sono scesi a 3 milioni. Questo ha causato il panico nei confronti di numerosi turisti che per paura di rimanere imbottigliati in file di ogni genere e disservizi hanno pensato bene alla cancellazione della prenotazione in hotel". 

Unica consolazione che, se in molti hanno cancellato completamente la vacanza, altri l'hanno solo rimandata di una settimana. Di certo c'è solo che una eccessiva pubblicità, come quella promossa per la Capitale nel periodo della canonizzazione dei Papi, non ha giovato al turismo, ma anzi l'ha danneggiato: "Chi fa previsioni di presenze turistiche a Roma per i grandi eventi - accusa Anna Crispino, presidente Assohotel Roma - dovrebbe andarci cauto, così non si fa pubblicità alla Capitale ma si ottiene l'effetto contrario. Alcuni nostri associati hanno avuto delle disdette conseguentemente alle dichiarazioni dei media".

I turisti, a prescindere dai numeri, saranno comunque molto numerosi nella Capitale e l'unico problema potrebbe venire da "Un turismo mordi e fuggi fatto di zaini e panini e al massimo un bed and breakfast di una notte", ha precisato Daniele Brocchi, coordinatore turismo di Roma e Lazio Confesercenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento