Cronaca

Cade dal balcone col telefono in mano e muore a 14 anni: indaga la Polizia

Lo smartphone sarà analizzato per capire se si stesse scattando un selfie e se stesse parlando con qualcuno. I condomini: "I balconi del palazzo troppo bassi"

L'ipotesi del suicidio non è in cima alla lista degli inquirenti. Secondo chi indaga la tragedia via della Villa di Lucina sarebbe stato un drammatico incidente domestico. Le cause potrebbero essere quelle di una distrazione oppure la scarsa sicurezza del balcone di quel palazzo. E' la Squadra Mobile della Polizia di Roma ad indagare sulla morte della 14enne avvenuta nella mattinata di domenica 25 novembre nel quartiere San Paolo. 

Secondo quanto ricostruito, la giovane, poco prima delle 9:30, sarebbe uscita in pigiama e calzini, senza scarpe o pantofole. Forse voleva gettare qualcosa nel cestino dei rifiuti, o prendere qualcosa sul balcone. Motivi, comunque, ancora da chiarire.

Fatto sta che la 14enne, che aveva il cellulare in mano, avrebbe quindi perso l'equilibrio finendo di sotto. Potrebbe anche essere scivolata sul pavimento, bagnato per la pioggia. Lo smartphone, tenuto in mano, è stato sequestrato dalla Polizia. 

Stava parlando al telefono, stava chattando oppure, come qualcuno ha ipotizzato, si stava scattando un selfie? La squadra della Polizia Scientifica riverserà il contenuto del dispositivo su un pc ed esaminerà gli ultimi momenti immagazzinati. I parenti e in condomini del palazzo, ascoltati da chi indaga, però, sono sicuri: la 14enne è inciampata e caduta perché il parapetto del balcone è troppo basso.

Gli agenti hanno acquisito anche il diario della studentessa. In camera nessun biglietto e nessun accenno all'estremo gesto, così come è esclusa la pista dei bulli a scuola. Chi la conosce è certo: "Non si sarebbe mai tolta la vita". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cade dal balcone col telefono in mano e muore a 14 anni: indaga la Polizia

RomaToday è in caricamento