Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cibo

Lampredotto senza carne. A Firenze la prima tripperia vegana al mondo

Lampredotto e trippa alla fiorentina senza carne? A quanto pare si può. La storia dello chef vegano che reinterpreta la cucina fiorentina e serve i panini calandoli dal bancone

Accento partenopeo, eloquio entusiasta e tante “c” aspirate: Gaetano Cerasuolo — chef napoletano di alta cucina vegetale di stanza a Firenze da 15 anni — è un tipo istrionico. Appassionato fino al midollo di cucina fiorentina, ha l'obiettivo visionario di accompagnare la tradizione dei trippai in un futuro in cui, ci piaccia o no, a tavola dovrà e potrà esserci meno carne. Ma non di sole fantasie parliamo. Da giugno 2022 ha infatti aperto a Novoli, un quartiere residenziale del capoluogo, la sua Tripperia Vegana, prima nel suo genere. Non cercatela, però, tra le altre attività su strada: alzate lo sguardo, ché i panini arrivano da un cestino calato dal balcone.

Gaetano Cerasuolo e il paniere delle consegne di Tripperia Vegana

L’idea della tripperia vegana

La prima cosa che ho assaggiato qui? Un panino col lampredotto. Anzi, a dire il vero, tre di fila”. Ciò, naturalmente, accade prima dell’esclusione di prodotti animali della sua dieta, che ha portato il 43enne Cerasuolo — con già all’attivo passaggi in cucine importanti — a specializzare la sua pratica.

Il panino S-Guancia di Tripperia Vegana

È successo quattro anni fa. Ho esteso la scelta anche al mio lavoro e studiato da grandi esperti, come Pietro Leemann del Joia di Milano. Poi ho applicato questo bagaglio di tecniche meravigliose alla mia visione”. Troppa la nostalgia del quinto quarto vario, da gustare nel più popolare dei panini di strada, per non confrontarsi con una sfida all’apparenza impari: ricrearne gusto, odore e, soprattutto, quella consistenza così identitaria. “Ci ho messo due anni, tra tentativi ed esperimenti, anche coadiuvato da altri bravi chef. La mia Tripperia Vegana ora ha spento una candelina e conquistato il sostegno di moltissimi clienti”.

Gaetano Cerasuolo prepara le consegne di Tripperia Vegana

Cucina vegana nel panino fiorentino 

Cerasuolo tiene a fugare ogni dubbio: la sua interpretazione non è uno sfottò delle antiche usanze — e a considerare dalla verve con la quale ci parla del patrimonio gastronomico fiorentino non abbiamo difficoltà a crederci — bensì un omaggio. “Ho lavorato moltissimo per preservare un gusto simile agli originali, che non intendo perdere. Vorrei trasmettere al primo morso il sentimento di una pietanza casereccia, come quella che preparano i vecchi trippai. Anche tra loro, e sono fiero di dirlo, abbiamo grandi fan”.

Come è riuscito a raggiungere un risultato soddisfacente, come conferma il centinaio di panini serviti quotidianamente tra pranzo e cena? “Lavoriamo su una combinazione di tre tipologie di funghi pleurotus. Hanno una concentrazione proteica altissima, dell’1,5% maggiore di quella delle frattaglie. Otteniamo una texture consistente e poi li cuciniamo secondo le nostre ricette. Nei brodi ci sono i classici odori, molte spezie, qualche segreto e tanta tecnica per esaltare le note umami”. Il pane si attiene alla tradizione in maniera ancora più filologica: “Lo facciamo noi in un altro laboratorio. Non si tratta delle rosette, diventate comuni di recente, ma del più classico panino semel, con farine da grani antichi toscani. La nostra ricetta lo rende solo molto più croccante”.

Panino col lesso vegano di Tripperia Vegana

Cosa si mangia e come si ordina da Tripperia Vegana

Ma il prodotto, come dicevamo, non è l’unica peculiarità della fantasiosa tripperia. “Abbiamo aperto come ghost kitchen, ovvero un laboratorio perfettamente attrezzato e rispondente a norme e regolamentazioni. Solo che non abbiamo coperti e gestiamo tutto online. Si può fare un pre-ordine tramite business whatsapp e sul sito, oppure inoltrare la richiesta una volta arrivati qui sotto. I panini sono tutti espressi e in meno di tre minuti li caliamo giù col nostro cestino”.

Gaetano Cerasuolo prepara il suo lampredotto vegano

Proprio così. C’è un panierino che percorre due piani e arriva in mano al cliente, poi risale, pronto per un altro giro. “Durante la pandemia ci permetteva di evitare ogni contatto. Lo manteniamo perché ci piace un sacco, e anche perché è diventato un marchio di fabbrica”. Il menu copre tutto il repertorio: ci sono i Fantastici 4 che reinterpretano le preparazioni classiche, con il 6-Tan8 con lampredotto vegano e il suo brodo (attenzione: non c’è seitan, il prodotto è gluten-free), il TriiP con trippa alla fiorentina vegana al pomodoro e "fake" Parmigiano, la S-Guancia con peposo vegano alla fornacina e I’ Francesin, il lesso (ovviamente) vegano “rifatto” con cipolla rossa (tutti a 8€).

Gaetano Cerasuolo e il suo panino con la trippa vegana

Poi due “extra”: la Bestia vegana, con “salsiccia”, verdure di stagione e “finta” provola (10€) e infine il Fumus, ancora col lampredotto della casa e una salsa di canapa ed erbe spontanee, contorno di patate dolci e un tocco davvero particolare: è affumicato con legno di olivo o mandorlo direttamente nel sacchetto della consegna (13€).

Gaetano Cerasuolo cala il cestino con le consegne di Tripperia Vegana

Gli ordini fioccano e vanno via veloci; ma nel futuro della Tripperia che c’è? “Tanti altri locali. Ci stiamo già lavorando. Saranno più convenzionali, ma non mancherà mai un tocco bizzarro. Ormai ci conoscono anche per questo”.

Tripperia Vegana
Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento