Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Martedì, 16 Luglio 2024
Cibo

Ristoranti, pizzerie, bar: le nuove aperture a Roma a luglio 2023

Grandi pizzerie, ristoranti di tapas e fine dining, gelaterie, enoteche, cocktail bar e pasticcerie (anche giapponesi!): tutte le novità del mese nella Capitale

Nella Capitale (anche della gastronomia?) le cose non si fermano mai, nemmeno in un luglio afoso come questo. Abbiamo raccolto tutte le nuove aperture del mese di luglio 2023, spaziando tra grandi pizzerie, ristoranti gourmet, gelaterie, wine bar, pasticcerie e fast food asiatici di qualità. Per non perdersi nulla.

Bistrot 64

Bistrot 64 è un locale aperto nel quartiere Flaminio nel 2013 che è arrivato a ottenere una stella Michelin nel 2016 e che poi ha attraversato fortune diverse. A distanza di 10 anni dall’inaugurazione è tornato con una veste rinnovata a guida del primo proprietario, Emanuele Cozzo. Lo chef è Giacomo Zezza, che prende il posto del giapponese Nota Kotaro. Cosa si mangia? Cucina della tradizione con spunti gourmet.

Un piatto di Bistrot 64

Via Guglielmo Calderini, 64

063235531

@bistrot64roma

Fatamorgana Via della Croce

Niente di meglio che l’arrivo del settimo locale cittadino per festeggiare i 20 anni di attività della gelateria di Maria Agnese Spagnuolo e Francesco Simon. Con il suo gelato naturale di solo ottimo latte sabino, ingredienti di grande qualità e attenzione al gluten-free e all’innovazione tecnologica, Fatamorgana è riuscita ad arrivare anche negli States, con due punti vendita addirittura a Los Angeles.

Il nuovo negozio di Fatamorgana in centro

Via della Croce, 46

@gelateriafatamorgana

Federico Prodon Pâtisserie e Crémerie Parioli

Dopo aver mosso i primi passi sul piccolo schermo (vinse l’edizione 2014 del programma Bake Off Italia), Federico Prodon è diventato un professionista ad alti livelli. Dopo l’insegna personale nel rione Borgo e il punto vendita al Mercato Centrale, ha aperto anche nel quartiere Parioli, affiancando al banco pasticceria di raffinata ispirazione francese una proposta a tema gelato.

Colazione da Federico Prodon

Via Giovanni Schiaparelli, 21/23

0689325263

@federicoprodon

Ginger Corte Laica

Ginger è dal 2017 il progetto gastronomico della famiglia Asara (già proprietaria di un’azienda agricola nell’avellinese) dedicato alla cucina salutare e sostenibile. I locali erano già due, rispettivamente nei pressi di Pantheon e Piazza di Spagna, fino al 19 luglio. Per la terza sede del gruppo si è individuata una magnifica corte coperta all’interno di Palazzo Raggi, un edificio settecentesco su Via del Corso inaccessibile da un trentennio. La chef Sharon Landersz provvede alla cucina, corroborata dalla pizza di Ciro De Vincenzo e i cocktail di Luca Dante.

La pizza di Ginger Corte Laica

Via del Corso, 173

0622968878
@gingersaporiesalute

Hiromi Cake 

Nel 2018 Hiromi Cake ha portato per la prima volta la pasticceria giapponese nella Capitale. Dopo 5 anni, e alcune altre aperture tra Roma e Milano, ha inaugurato in zona Porta Pia un ampio locale di 200 mq con tanto di giardino zen, attivo dalle 12 alle 2 di notte. Si parte con il pranzo, con sushi e ricette tipiche del Kensai a cura dello chef Aiuchi Takehiko, si passa alla cerimonia del tè — da sorbire inginocchiati sul tatami — poi si arriva all’aperitivo a base di sake e mixology di ispirazione asiatica, alla cena e al drink della seconda serata. Poi eventi, corsi di calligrafia e la più grande esposizione di sake in Italia.

Dolci di Hiromi Cake

Via Reggio Emilia, 24

0688936084

@hiromicakeroma

Masa Hotel Major

In cima all’hotel quattro stelle Major c’è un nuovo rooftop con vista sulle cupole di Santa Maria Maggiore. Il menu ha un taglio che guarda alla cucina mediorientale ma in salsa fusion, mentre la drink list è firmata dal mixologist Antonio DAuria e dal bar manager Alessandro Guaschi. Vini (anche) kosher e vivande divise tra assortimenti di mezè da condividere, ma anche canonici primi e secondi.

Un drink di Masa

Via di S. Maria Maggiore, 143

0699448222

@masaroma

Ninù

Dove fino a qualche anno fa c’era Fòndaco, un concept store di design, oggi c’è Ninù, un nuovo ristorante di pesce della storica proprietà di ‘Gusto. Siamo nella centralissima Via della Frezza, una strada pedonale a un passo da Mausoleo di Augusto e Ara Pacis, e il menù porta la firma dello chef Marco Gallotta. Prezzi onesti e interni curati, con tante opere d’arte, oltre a una cucina privata da affittare per eventi. Poi un dehors accogliente e, da settembre, tre stanze adibite a bed&breakfast.

Il cannellone di baccalà dorato e fritto di Ninù

Via della Frezza, 43

0687644813

@ninu_roma

Ricci Il Salumiere

Oltre un secolo di attività dietro al bancone e una nuova vita con vari locali, che sono anche ristorante, sparsi per la città. La storia di Ricci Il Salumiere ha aperto un capitolo inedito esattamente di fronte al Pantheon, portando nei pressi di uno dei monumenti più affascinanti della città un fornito reparto gastronomico e le proposte di chef Fiorella Pasqualini, da colazione a cena. Ci si può venire anche solo per un aperitivo, accomodandosi uno dei tavolini con super affaccio all’aperto.

Il banco gastronomia di Ricci Il Salumiere

Piazza della Rotonda, 6

06429866448

@riccisalumiereinroma

Ruvido

Al termine di una curiosa campagna social, ha inaugurato in zona Appio Latino il wine bar con cucina di Alessandro Bernabei — proprietario di Acquasanta — insieme ai soci Daniele Yari Stati e Luca Laurenti. Una cantina consistente ma priva di bianchi tradizionali, compensata da una grande offerta in fatto di macerati e vini arancioni. Da mangiare ci sono tanti piatti da ordinare in quantità, ideati inizialmente da Tommaso Tonioni ma aperti a interpretazioni in collaborazione con altri bravi cuochi.

Foto notturna di Ruvido a Roma, la posizione d'angolo. Una delle vetrine prima era murata - foto Alberto Blasetti

Via Apulia, 11

@ruvidoroma

VICO Pizza e Vino 

Il grande pizzaiolo Enzo Coccia — fondatore dell’Associazione Pizzaiuoli Italiani e ambasciatore della tradizione napoletana nel mondo — è solo l’ultimo artigiano partenopeo in ordine di tempo a puntare sulla Capitale. Il suo nuovo locale occupa il piano terra dell’affascinante Palazzo Rondanini, vicinissimo al Pantheon. Ambienti eleganti con statue e opere d’arte, mobili antichi e un maestoso forno a legna a vista per consegnare anche ai romani ottime tonde con materie prime selezionate.

ViCO a Roma, Enzo Coccia

Piazza Rondanini, 47

0687809501

@vicopizzaandwine

Vintro Cantina Pinsa & Co

Vintro annovera un gruppo di locali già noti a Roma per la loro proposta “all American” declinata tra pancake, waffle e smoothies. Più di recente, invece, si è votato all’italianità, aprendo un nuovo locale dove il vino incontra una lunga lista di cicchetti alla maniera nostrana. Ci sono poi pizze, dolci e possibilità di aperitivi e cocktail per il dopo cena.

Gli interni del nuovo Vintro

Viale Jonio, 320

3385628451

@vintro_roma

Wagamama Roma Termini

La catena di ristoranti di stampo giapponese e asiatico è arrivata a cifra tonda, aprendo la decima insegna nel nostro paese. Siamo nell’Ala Mazzoniana della Stazione Termini, dove dalla metà di luglio la cucina panasiatica del brand londinese è proposta con un format che punta su sveltezza e buon rapporto qualità-prezzo.

wagamama a Roma Termini

Via Giovanni Giolitti, 4

064820498

@wagamama_it

Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento