Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

Lunedì, 15 Luglio 2024
Mappe

Roma: le 11 migliori botteghe dove fare la spesa a Trastevere

Guida indispensabile per conoscere i negozi rionali che animano il volto quotidiano di Trastevere. Panifici, frutterie e alimentari da segnare per i locals e non solo

Nel rione Trastevere i ristoranti, le enoteche e i pub sono uno dopo l’altro, un’offerta talmente ampia che crea confusione, soprattutto se si vogliono evitare i locali che lavorano come trappole per turisti. Di giorno però, con la luce del sole ancora alta, questo rione si presenta nella sua veste quotidiana animandosi di piccole botteghe di quartiere e negozi di alimentari. Basta fare una passeggiata al mercato di piazza San Cosimato per capire che qui la vendita non è solo un’attività lavorativa, ma piuttosto un momento di ritrovo. Per questo motivo abbiamo selezionato 11 botteghe gastronomiche a Trastevere in cui vale la pena fare la spesa, sia per la qualità dei prodotti sia per il lavoro che c’è dietro ad ognuno di questi.

Forme Dispensa
Ercoli 1928 Trastevere
Rumi
Le Levain
Otaleg!
Er Cimotto
Amadio
Les Vignerons
Antica Caciara Trasteverina
La Renella
Biscottificio Innocenti
Negozio-Bottega

Forme Dispensa

È un’apertura recente quella di Forme Dispensa, inaugurato nel 2022 questo spazio si propone come una bottega di quartiere, con prodotti nostrani e artigianali. Il proprietario, Pasquale Borriello, dopo anni dietro ai rinomati banconi gastronomici di Franchi a Prati e di Salumeria Roscioli, si mette in proprio e dà il via al suo personale progetto. Dal banco arrivano prodotti caseari come il Blu Smeraldo di Magi o la mozzarella di bufala campana del Caseificio Esposito di Battipaglia, paste artigianali e farine selezionate, conserve e Presidi Slow Food. Infine, ma non da ultima, un’ampia scelta di etichette con protagonisti i vini naturali.

Negozio-Bottega

Ercoli 1928 Trastevere

Il primo negozio si trova a Prati dal 1928 a cui segue il secondo nel 2016 a Parioli e il terzo, a ottobre 2021 a Trastevere. Quest’ultimo è anche il più grande del gruppo con 700mq di estensione, ma ricalca la formula di bottega gastronomica in cui non esiste suddivisione tra zona ristorante e negozio. Si può infatti pranzare sedendo intorno al bancone dei salumi, oppure accomodarsi ai tavoli circondati dai prodotti esposti sugli scaffali, tra cui formaggi, affettati, conserve, confetture, pasta, riso, olio, biscotti, caffè, vini, birre, cioccolata e liquori. I piatti dalla cucina valorizzano le materie prime presenti anche nell’offerta della vendita al dettaglio, come i tagliolini al burro francese e alici del Cantabrico (18,50€) o le mezze maniche alla gricia con guanciale di Cinta Senese e pecorino romano DOP. È il posto perfetto per ch cerca particolarità gastronomiche, come le uova Parisi usate anche nei primi piatti romani.

Negozio-Bottega

Rumi

Sara Anzani è il cuore di questo progetto, una bottega organica con gastronomia che ospita materie prime tra cui frutta, verdura e formaggi da piccoli produttori selezionati. La proposta dei piatti cambia a seconda della stagione e ruota intorno a ortaggi, verdure, legumi e cereali, per un servizio che va da colazione fino a sera con possibilità di fare la spesa.

Rumi Bottega Organica-2

Negozio-Bottega

Le Levain

Nata nel 2014, questa boulangerie-patisserie aperta nel cuore di Trastevere, è oggi un esperimento perfettamente riuscito. Dopo anni di formazione professionale al fianco di Alain Ducasse e a seguire di Gualtiero Marchesi all’Albereta, Giuseppe Solfrizzi è in grado di adattare al contesto romano, o meglio trasteverino, lo spirito della pasticceria francese. Ogni creazione viene preparata nel laboratorio interno. Il banco è ricco di tante proposte diverse, come il pane, i macarons (1,20€ l’uno), la piccola pasticceria in monoporzione, la viennoserie (ovvero i lievitati francesi da colazione come pain au chocolat a 2,50€, brioche, croissant) fino alla gastronomia salata con croissant farciti, baguette ripiene o croque monsieur.

Negozio-Bottega

Otaleg!

Pochi ingredienti e attenzione alla materia prima caratterizzano Otaleg! insieme alla sperimentazione di gusti creativi, come La Pagnottella!! ovvero pane, stracchino e cicoria ripassata. Questo progetto nasce in maniera inaspettata: Marco Radicioni era un grande amante del gelato nonché un assiduo cliente di Torcè (altra gelateria famosa di Roma) e non ci è voluto molto prima che il proprietario Claudio Torce gli proponesse di gestire uno dei suoi punti vendita. Una decina di anni dopo Radicioni si è messo in proprio ed è nato Otaleg! Qui i gusti hanno pochi zuccheri e sono privi di conservanti. Da provare sia i grandi classici che le proposte più creative, come arachidi salate con crunch al cioccolato e arachidi in pezzi, oppure la crema con nocciole e pesche sciroppate.

Negozio-Bottega

Er Cimotto

Aperta dal 1890 Er Cimotto era una storica frutteria di quartiere, oggi rilevata e gestita da Michela Buccilli che ne ha lasciato l’aspetto ampliandone l’offerta con prodotti particolari e selezionati. All’interno, oltre agli ortaggi tradizionali, si possono infatti trovare frutti provenienti da ogni parte del mondo, prodotti biologici come pasta, formaggi, farina e il pane fresco di Lariano o di Amelia. Er Cimotto mette a disposizione anche un servizio di spesa online con consegna a domicilio.

Er Cimotto-2

Negozio-Bottega

Amadio

In un palazzo d’epoca del ‘900 la storica macelleria Amadio vende carni al taglio, preparati e prodotti di gastronomia pronta. Ogni carne ha una provenienza europea, mentre la macellazione avviene in Italia. Al bancone è possibile scegliere anche pietanze semi lavorate come la pasta sfoglia ripiena di carne, gli involtini di carne e verza o i peperoni ripieni, tutti prodotti da ultimare a casa con la cottura. Nella gastronomia pronta invece si trovano sia i piatti della tradizione romana (coratella con carciofi, coda alla vaccinara, baccalà e patate) sia i piatti più tradizionali (polpette, polpettoni o roast beef).

Negozio-Bottega

Les Vignerons

L’insegna, nata nel quartiere Testaccio, ha trovato negli anni la sua sede nel rione Trastevere, differenziandosi dalla concorrenza per la grande ricerca e selezione delle etichette esposte. I clienti che si fermano a trovare Antonio Marino nella sua bottega trovano vini naturali difficili da reperire altrove e birre provenienti da microbirrifici artigianali. Per la parte gastronomia la pasta, i biscotti e le conserve vengono da agricolture sostenibili o da piccole aziende a conduzione familiare. Tutto selezionato personalmente dal proprietario di casa, dedito alla valorizzazione dei piccoli produttori che non sempre hanno modo di farsi conoscere.

Negozio-Bottega

Antica Caciara Trasteverina

Il nome trae in inganno ma qui caciara fa riferimento al pecorino (detto anche cacio) che veniva prodotto nel retro del locale. Per i residenti del quartiere questo posto è la pizzicheria, nome comunemente dato alle botteghe in cui un tempo, non essendoci ancora le bilance, si dosavano i prodotti a pizzichi. Antica Caciara si rifornisce da produttori italiani ed è la bottega ideale per una spesa nostrana a base di salumi, formaggi freschi o stagionati, olio, conserve oppure vino. Il consiglio è di venire qui per assaggiare il pecorino romano, loro prodotto di punta.

Antica Caciara Trasteverina(1)
 

Negozio-Bottega

La Renella

I romani lo sanno: la notte a Trastevere non c’è altro profumo di pane all’infuori di quello della Renella. Già dalle prime luci del mattino, da questo forno arriva una fragranza che è difficile ignorare: pane, pizza alla pala, biscotti ma anche dolci e prodotti fatti con farine alternative (kamut, segale o cereali integrali) sfilano sul banco. Qui è famoso il Filone della Renella, un pane particolarmente croccante fuori e morbido dentro.

La Renella-2

Negozio-Bottega

Biscottificio Innocenti

Su via della Luce si affacciano le due grandi vetrate del Biscottificio Innocenti, un locale storico del rione Trastevere che oggi è gestito da Stefania Innocenti e da sua figlia Manuela (quarta generazione). Nato durante la Seconda Mondiale da Sesto Innocenti (nonno di Stefania), il biscottificio era una bottega che produceva gallette per l'esercito. Oggi accoglie i suoi clienti con un grande forno a vista e un bancone ricco di prodotti come pizzette, biscotti, pasticcini o torte.

Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento