Mercoledì, 17 Luglio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

10 pubblicità Anni ‘80 di cibi che oggi non esistono più

Dal salmone spalmabile fino ai wrustel ripieni, ecco le pubblicità di alcuni prodotti non più in commercio ma di cui tutti conosciamo il jingle

Ripensare alla propria infanzia o adolescenza significa anche, inconsapevolmente, far tornare alla mente tanti prodotti alimentari, molti dei quali non più in commercio. Dai biscotti della mattina fino ai gelati confezionati, dalle pubblicità con i jingle più divertenti fino a packaging stravaganti. Le evoluzioni sociali, i consumi che cambiano e la domanda che si uniforma alle mode dell’epoca, fanno sì che tanti prodotti industriali vengano sostituiti con qualcosa che possa appagare il consumatore odierno. Oggi si fa più attenzione alla salubrità di un alimento, alla sostenibilità del suo packaging o allo spot pubblicitario che più ci rappresenta nei valori e nello stile di vita. Difatti, non è un caso se è proprio osservando le pubblicità che si ha il vero spaccato di una popolazione o di un dato periodo storico.

Molti alimenti vengono ritirati dal commercio perché non rispettano le norme in termini di parametri salutari, ingredienti o sicurezza alimentare. Molti altri semplicemente non sono più redditizi come un tempo. Ci sono innumerevoli motivi per cui un’azienda potrebbe decidere di bloccare la commercializzazione di un bene, ma noi non possiamo negare che quei jingle li sappiamo ancora tutti a memoria.

Il wrustel Poldo farcito al formaggio

Attraverso un video pubblicato dal canale YouTube TuttoSpot80 possiamo scoprire o riconoscere alcuni prodotti che in un modo o nell’altro hanno segnato quel decennio fatto di capelli cotonati e giubbotti jeans oversize. Nel video vengono mostrate delle pubblicità di prodotti che nel giro di poco tempo sono stati levati dal commercio. Tra colori accesi e vivaci, una musichetta memorabile e l’uso dei primi effetti speciali come animazioni e grafiche al computer, gli spot degli Anni Ottanta si facevano notare per il tono particolarmente umoristico e giocoso. Talvolta paradossali, altre volte estremamente creative, le storie raccontate erano la perfetta rappresentazione di un prodotto e del suo consumatore tipo.

Dal prosciutto cotto in gelatina SimBon della Simmenhtal al wurstel farcito Poldo, i prodotti vengono spesso associati a parole come “leggerezza”, “freschezza”, “genuinità”, ma con l’occhio critico che abbiamo oggi – molto più critico di un tempo, forse – ci sembra che ognuno di questi alimenti sia ben lontano dal raccontare il vero. Viene quindi da chiedersi, tra quarant’anni che effetto ci faranno le pubblicità di oggi? Cosa penseremo di quei prodotti che sembrano tanto più sani di una carne di salmone spalmabile?

Il salmone spalmabile Tartì

Per rinfrescare un po’ la memoria in un questo video troviamo 10 pubblicità di prodotti non più in commercio. Piccolo spoiler: non è difficile ipotizzarne il perché. In ordine di apparizione:

- CACIOTTINA BAIKA 1984
- SIM BON Simmenthal 1986
- FINBURGER Findus 1985
- CROCCHELLE Arena 1983
- MAMAN LUISE Kraft 1985
- BELGIOIOSO Yomo 1987
- TARTÌ Star (plagio Spuntì) 1984
- POLDO WURSTEL 1988
- PAT BON KETCHIPS 1989
- PICCADOLCE Kraft 1984

Si parla di

Video popolari

RomaToday è in caricamento