Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Dove mangiare

I piatti ispirati ad Alice nel Paese delle Meraviglie dello chef che faceva l’ingegnere

All’Etienne Bistrot di Roma Stefano Intraligi crea pietanze che sembrano uscite dalle favole. La fotogallery

Come si passa dal fare l’ingegnere allo chef creativo? Per il 43enne romano Stefano Intraligi il punto di svolta è stata una cena a La Pergola di Heinz Beck. Lì ha incontrato il cuoco tedesco, gli ha consegnato una copia del suo romanzo con ricette (spirito eclettico e amore per la gastronomia già non mancavano) e dopo sei mesi era a fare uno stage nella sua brigata. Di lì a poco ha aperto addirittura una scuola di cucina e, nel 2018, anche Etienne Bistrot. Della precisione e accuratezza scientifica del mestiere precedente c’è traccia nella tecnica al sostegno di preparazioni fantasiose che vogliono raccontare una storia. Come i titoli “eloquenti” dei menù degustazione: Il Paese delle Meraviglie e Sogni di Latta, entrambi da 10 portate per 100€. C’è il “pane di cristallo” con maionese vegana al cocco e germogli di ravanelli, che evoca la sensazione di mordere una tazzina (proprio come il Cappellaio Matto), e la rosa di rapa rossa marinata alla sambuca servita con cuffie per ascoltare un sottofondo musicale. C’è la rivisitazione dell’arrabbiata sotto forma di carta da gioco e l’entrée arcobaleno. Poi la gricia chiusa in palloncini di pasta alle pere e lime e la cassata composta “pennellando” le creme davanti al commensale. La fotogallery.

Etienne Bistrot
Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento