Mercoledì, 4 Agosto 2021
Lorenzo Nicolini

Opinioni

Lorenzo Nicolini

Giornalista RomaToday RomaToday

Don Andrés regala la Coppa del Mondo alla Spagna

Una rete di Iniesta al minuto 116 ha consentito alle Furie Rosse di vincere il primo Mondiale della loro storia. Olanda in 10 nel secondo tempo supplementare per l'espulsione di Heitinga

La Spagna è campione del mondo per la prima volta nella sua storia: nella finale di Johannesburg, le Furie Rosse hanno infatti battuto per 1-0 l'Olanda grazie ad una rete segnata da Andres Iniesta al minuto 116, in un secondo tempo supplementare in cui l'Olanda era rimasta in 10 uomini pochi minuti prima a causa di un'espulsione per doppia ammonizione di Heitinga. Per gli Orange, il Mondiale resta un incubo: terza finale e terza sconfitta, dopo quelle del 1974 contro la Germania Ovest e del 1978 contro l'Argentina. Fiesta totale per gli iberici, che con questo successo hanno bissato il trionfo ottenuto all'Europeo del 2008.

L'attesa - Ore 20.15: Fabio Cannavaro è entrato sul prato del Soccer City di Johannesburg per riconsegnare la Coppa del Mondo alla Fifa. Adesso è tutto pronto: Olanda e Spagna stanno per entrare in campo. In palio c'è il mondo, per due nazionali che non hanno mai vinto il Mondiale. Nell'occasione, si è verificata una invasione di campo da parte di una persona vestita di scuro e con un vistoso cappello rosso in testa, che si è diretto verso la coppa e ha cercato di prenderla dal piedistallo per alzarla, ma è stato placcato da alcuni addetti alla sicurezza.

La formazioni - Fernando Torres ancora fuori, come nella semifinale contro la Germania gioca Pedro. Il nome dell'attaccante del Barcellona figura infatti nelle formazioni ufficiali diffuse dalla Fifa. Per il resto stessa squadra di sempre. Nulla di nuovo anche nell'Olanda, con il tridente Kuyt-Sneijder-Robben dietro all'unica punta di ruolo Van Persie.

La partita - E' toccato all'Olanda il calcio d'inizio, ma è stata la Spagna a farsi vedere subito in avanti: calcio di punizione di Xavi (5'), palla indirizzata a centro area dove Sergio Ramos colpisce di testa ma trova Stekelenburg attento e abile a deviare in angolo. Brivido per l'Olanda che, poi, per la prima volta si è fatta vedere in avanti tre minuti dopo, con una conclusione da lontano di Kuyt parata da Casillas. Dopo un inizio più scintillante della Spagna, l'Olanda ha preso a farsi vedere nella metà campo iberica. Ma la partita si è incattivita: ammoniti Van Bommel e Sergio Ramos per due brutti falli (soprattutto il primo) rispettivamente su Iniesta e Kuyt, poi ammonito anche De Jong per un'entrata pericolosissima a gamba tesa e gioco pericoloso - da espulsione - su Xabi Alonso. Clamoroso rischio per la Spagna al minuto 38, quando Heitinga restituisce palla alla Spagna da fallo laterale, ma la parabola del pallone mette in difficoltà Casillas che smanaccia in angolo. Nel finale di tempo (45') bravissimo Casillas a respingere in corner una pericolosa conclusione di Robben.

Nessuna sostituzione a inizio ripresa: il primo cambio è avvenuto al minuto 60', quando Del Bosque ha sostituito Pedro con Jesus Navas. Tre minuti dopo, miracolo di Casillas: palla di Sneijder per Robben che, in inserimento centrale solo davanti al portiere iberico, conclude a botta sicura ma si vede deviare strepitosamente il pallone in angolo dal piede proteso dell'estremo difensore spagnolo. Non da meno Stekelenburg, decisivo pochi minuti dopo su Villa. Ma 90' minuti non sono bastati per decidere i vincitori, e anche nei supplementari sono state diverse le occasioni gettate alle ortiche, prima fra tutte quella capitata in contropiede sui piedi di Fabregas, ben salvata da Stekelenburg.Al minuto 109, l'Olanda è rimasta in 10: espulso Heitinga per doppia ammonizione.Poi, a 4 minuti dalla fine dell'incontro, il gol di Iniesta: per la Spagna tutta è delirio.

Abbracci in mezzo al campo e lacrime degli spagnoli campioni del mondo, olandesi intorno all'arbitro e ai guardalinee a protestare, forse perché reclamavano una presunta posizione di fuorigioco di Iniesta. In tribuna festeggia il primo Mondiale della Spagna il principe Felipe assieme alla moglie: entrambi agitano una sciarpa con i colori della nazionale. Sudafrica 2010 ha emesso il suo verdetto.

(fonte sky)

Si parla di

Don Andrés regala la Coppa del Mondo alla Spagna

RomaToday è in caricamento