Venerdì, 23 Luglio 2021
RomaToday

Opinioni

RomaToday

Redazione RomaToday

Il Parco dei Mostri a Bomarzo

bomarzoNon è molto distante da Roma, basta prendere l'A1 in direzione Firenze ed uscire allo svincolo di Orte, seguire le indicazioni per Viterbo e poi quelle per il Parco fino a giungere a destinazione, dove sarà possibile parcheggiare l'automobile in un ampio parcheggio e poi accingersi a visitare il giardino voluto, alla metà del Cinquecento, dal principe Vicino Colonna.

Cartina alla mano, dopo aver fatto il biglietto, ci si avvicina all'ingresso vero e proprio del parco dove ci accolgono 2 sfingi sovrastanti altrettante iscrizioni, oggi purtroppo un pò scolorite. Va ricordato infatti che questo favoloso luogo fu lasciato in stato di abbandono per circa quattrocento anni. Dopo la morte del Principe Orsini nessuno se ne curò più fino al XX secolo quando la famiglia Bettini si premurò di riportarlo agli antichi splendori.

E' davvero suggestivo avventurarsi nei sentieri accompagnati dalle fantastiche statue in peperino che popolano il parco e sentire lo scorrere del torrente che attraversa il giardino o il rumore del vento che muove gli alberi, tutto è stato pensato per creare un'atmosfera di sorpresa e stupore e devo dire che l'intento è pienamente raggiunto.

La casa pendente aspetta solo di ospitarci al suo interno e, salite le scale, ci si trova nelle stanze del piano superiore completamente in balia della forza della gravità che tende a trascinarci secondo la pendenza del pavimento, ovviamente nessuno smottamento ha reso la casa come la vediamo noi oggi che fu edificata su una base in pendenza. In origine l'ingresso al parco era situato in prossimità di questo edificio che senza alcun dubbio provocava una sensazione di stupore in coloro che da qui iniziavano la visita.

Sarebbe inutile elencare tutte le statue che si incontrano lungo il percorso ma basti dire che si adattano e convivono spelndidamente con la natura circostante dando vita ad un mondo a parte.

Un'esperienza da consigliare, soprattutto ora che sembra arrivata la bella stagione. Il parco vero e proprio è circondato da ampi spazi verdi dove è possibile sostare per pranzare o semplicemente godersi la bella giornata, è ovviamente vietato, come ci ricordava il custode prima di accedere, mangiare e sostare negli spazi verdi all'interno del giardino.

Informazioni: intero 9€; bambini dai 4 agli 8 anni, gruppi per un minimo di 30 persone 7€; scuole 5,50€ con una gratuità ogni 15. Orario continuato dalle 8 al tramonto.

Si parla di

Il Parco dei Mostri a Bomarzo

RomaToday è in caricamento