Lunedì, 20 Settembre 2021
Romeni d'Italia

Opinioni

Romeni d'Italia

A cura di Miruna Cajvaneanu

Le badanti romene protagoniste di un libro

Fisse, a lungo orario, con voucher, part-time, di condominio; assistenti familiari, governanti, baby sitter, colf o, per la maggior parte degli italiani, più semplicemente, loro sono le badanti.  Questo è solo uno spaccato di un universo fino a poco tempo fa quasi interamente sommerso. Una sorta di giungla senza regole, dove trova lavoro chi accetta meno soldi o fa più compromessi.

Solo dal 2012, lo stato di precarietà dei lavoratori domestici, di cui quasi 90% sono donne e una buona parte migranti, è stato considerato un’emergenza da risolvere al più presto proprio al livello dell’Unione Europea, che si è impegnata a fissare nuovi standard e regole per garantire i diritti di queste persone.

Parliamo delle donne che lavorano nelle case degli italiani, un esercito formato da quasi un milione di persone– ma si tratta di stime, perché tante non hanno ancora un contratto in regola.  

Proprio per capire quale è la situazione attuale delle donne che svolgono questo lavoro, in particolare le donne provenienti dalla Romania, è uscito nelle libreria il libro “Badanti romene ambasciatrici d’amore” scritto dall’avvocato italiano Giancarlo Germani e dalla giurista romena Alexandra Cristina Grigorescu.

La presentazione del libro avrà luogo giovedì, 28 gennaio, dalle ore 17.30 presso l’Accademia di Romania in Roma (Via Josè de San Martin, 1 - Parioli). “Il libro intende far emergere il reale contributo che le badanti romene e i lavoratori romeni in generale stanno arrecando alla società italiana e alle famiglie italiane, in contrasto con una immagine pubblica che non gli rende sempre giustizia. Loro sono le principali protagoniste del welfare familiare in Italia”, ci spiega l’autore, Giancarlo Germani.
Ho risposto all’invito degli autori e parteciperò come relatore alla presentazione del libro, accanto ai rappresentanti della casa editrice Viola e a colleghi italiani.

Gli organizzatori hanno preparato delle sorprese al pubblico: alcuni brani del libro saranno letti dal maestro Pino Ammendola (tra l’altro, uno degli attori del film “Le Badanti”) e in sala sarà proiettato per la prima volta un documentario che ho realizzato nel 2014, dedicato proprio alle protagoniste della serata e intitolato “24/24 – Storie di donne che curano”.

Seguirà un dibattito moderato da Simona Tuliozzi della Viola Editrice, aperto a tutti coloro che vorranno portare il loro contributo e le loro riflessioni su una tematica quale l’integrazione e l’apporto sociale e lavorativo di una comunità dalle origini latine come quella romena – cosa che molti italiani purtroppo ancora ignorano – alla società italiana.

Si parla di

Le badanti romene protagoniste di un libro

RomaToday è in caricamento