Rifiuti a Roma, per Diaco e Montanari "meno male che c'è l'Omo Magno"

Ringraziamenti social al volontario che pulisce Monteverde. Ma a quando le spiegazioni ai cittadini su come risolvere davvero il rebus rifiuti?

"Fortunatamente, Roma può contare su tanti suoi integerrimi cittadini e sulla loro voglia di sensibilizzare i romani più reticenti alle regole del vivere civile". Il presidente della commissione Ambiente Daniele Diaco tesse le lodi di chi pensa, da volontario, alla pulizia della città. Per fortuna, dice il consigliere grillino, che c'è l'Omo Magno, come si è autobattezzato Gabriele Longo, 44 anni, "super eroe della monnezza". 

E per fortuna che armato di calosce, guanti e mascherina, pulisce in lungo e in largo Monteverde, il suo quartiere. Si attacca al telefono con Ama finché non ottiene risposte, invia segnalazioni, ascolta i residenti. Stana gli incivili che abbandonano i rifiuti ingombranti dove non dovrebbero, come mostra il video postato da Diaco per complimentarsi e augurarsi un effetto emulazione sulla cittadinanza.

"Veemente la sua reprimenda all'indirizzo dei trasgressori, palesemente in difficoltà dinanzi alle inoppugnabili argomentazioni con cui lo stesso Omo Magno evidenzia l'illiceità della loro condotta" scrive il presidente della commissione Ambiente, da sempre convinto che i romani, un po' indisciplinati sulle questioni ambientali, vadano bacchettati ben bene. E allora lode allo spazzino eroe di Monteverde, a lui vanno addirittura i ringraziamenti di Pinuccia Montanari, assessore all'Ambiente, "per l'immenso impegno profuso"

Davvero, fortuna che abbiamo dei "super eroi" sul territorio. Perché se andiamo a guardare quanto fa, o non fa, l'amministrazione pubblica sul fronte rifiuti, di eroico, almeno in questa prima metà di mandato, troviamo molto poco. C'è il bilancio della partecipata da approvare da mesi e il Campidoglio che continua a disertare l'Assemblea dei soci. Una città, con un impianto in meno andato a fuoco, appesa a una bozza di piano industriale che non convince nessuno, nemmeno i grillini, insieme all'ipotesi di tornare indietro a una discarica che la Regione ha caldamente invitato a realizzare. Le grane non mancano e l'emergenza rifiuti rimane dietro l'angolo.

Insomma, meno male che c'è l'Omo Magno sì, ma magari, oltre a spendersi in un profluvio di elogi e ringraziamenti rivolti a quei romani che si rimboccano le maniche perché stanchi di vedere la Capitale nel degrado, il Comune spiegasse loro come intende risolvere il rebus rifiuti. Magari copiando l'Omo Magno, almeno in efficienza, perseveranza e amore per la città. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Rifiuti a Roma, per Diaco e Montanari "meno male che c'è l'Omo Magno"

RomaToday è in caricamento