A teatro con Francesca

Opinioni

A teatro con Francesca

A cura di Francesca Ragno

"Tutte per uno" in scena al teatro Duse...ne parliamo con il regista

Gianluigi Catalano è il regista della commedia brillante che andrà in scena dal 27 al 30 ottobre al Teatro Duse di Roma. "Tutte per uno" il titolo, un commedia di donne che parla però anche di uomini o forse di uno solo

Una Commedia   serrata  e  a   tratti   volutamente  forte ,  TUTTE PER UNO vede protagoniste quattro  amiche  ex  compagne  di università che dopo quattro  anni  ritrovandosi  insieme per una “fortunata” casualità,colgono l’occasione per parlare del  tempo trascorso lontane le  une  dalle  altre,  fino a  quando,  coinvolte  in  uno  strano gioco della verità e spinte a inaspettate  e  piccanti  confessioni,  scopriranno   di  avere  tutte  e  quattro  così  tanto   in comune… da  unirsi  ancora di più…stimolando in maniera “curiosa” la loro fantasia a tal punto  che  la  loro  amicizia  sfiorerà  il paradossale  dando  vita  a  divertenti  e  magiche dinamiche.

Così si legge nella sinossi che descrive lo spettacolo "Tutte per uno" che debutterà in scena il 27 ottobre fino a domenica al Teatro Duse portato in scena dalla compagnia "Gli asini che volano". Abbiamo raggiunto telefonicamente il regista Gianluigi Catalano che ci ha raccontato la sua esperienza da sceneggiatore e da regista  dopo che per anni ha calcato il palcoscenico come protagonista in una compagnia quasi completamente al femminile.

"Le attrici che recitano oltre ad essere colleghe sono anche amiche di vecchia data e quindi ho voluto sfruttare questo dato reale e portarlo sul palcoscenico - ci racconta Gianluigi -Più che sulla caratterizzazione dei personaggi da regista ho voluto far emergere sulla scena questo forte legame di amicizia  da cui poi si sono sviluppate le gag e le situazioni e su cui si sono costrutiti i personaggi sfruttando la personalità di ogni attrice. Il risultato sembra essere soddisfacente".

"Mi sento portato a fare il regista anche se mi sento portato a stare sul palcoscenico. Da attore si guarda al proprio personaggio, mentre da regista bisogna avere una visione a 360 gradi e le preoccupazioni aumentano. Durante tutta la preparazione si dà tutto per gli attori, ma poi sul palco salgono loro e c'è ansia perché ti affidi a loro. Sicuramente sono più ansioso rispetto a quando recitavo io, ma ho totale fiducia nelle ragazze con cui lavoro con loro da ormai otto anni. E' stata una bella esperienza di sicuro" ha concluso il debuttante regista.

Sicuramente una commedia tutta da ridere dove i difetti delle donne e quelli degli uomini si incontrano e scontrano e pensate cosa potrà accadere in un gruppo di amiche, che ricorda un po' le protagoniste di Sex and the City, se hanno anche molto ma molto in comune. Da vedere.

Si parla di

"Tutte per uno" in scena al teatro Duse...ne parliamo con il regista

RomaToday è in caricamento